Allevamenti intensivi e “offerte sconvenienti”: Greenpeace in campo a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa

Ieri i volontari e le volontarie di Greenpeace sono entrati in azione a Salerno per chiedere di cambiare il nostro sistema di produzione di cibo e abbandonare il sistema degli allevamenti intensivi. Gruppi di volontari dell’associazione ambientalista hanno allestito dei punti informativi al Supermercato Carrefour in Via Posidonia n°132 in Salerno con “carrelli parlanti” che mostravano le conseguenze ambientali e sanitarie della zootecnia intensiva, mentre dei finti spot promozionali invitavano a scoprire le “offerte sconvenienti” del sistema degli allevamenti intensivi.

“La produzione intensiva di carne è uno dei principali motori di deforestazione e perdita di biodiversità, due importanti fattori di rischio per il verificarsi di epidemie, perché possono favorire nuovi salti di specie (spillover) di virus e batteri dagli animali agli esseri umani. Negli allevamenti intensivi, inoltre, tanti animali sono costretti a vivere in spazi ristretti: un ambiente ideale per il proliferare di agenti patogeni come i coronavirus e i virus dell’influenza. Anche se non compare in etichetta, il rischio di nuove epidemie è un prezzo troppo alto da pagare per continuare a produrre sempre più carne a basso costo”, dichiara Simona Savini, campagna Agricoltura di Greenpeace Italia.

Invertire la rotta è possibile: Greenpeace chiede al governo di usare i fondi pubblici per accompagnare una transizione ecologica del settore, sostenendo economicamente le aziende che producono su piccola scala e gli allevatori che intendono uscire dal modello intensivo riducendo anche il numero degli animali allevati. Questo dovrebbe essere un pilastro delle politiche agricole che l’Italia è chiamata ad adottare entro dicembre 2021.

La scorsa settimana gli attivisti e le attiviste di Greenpeace erano invece entrati in azione davanti al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), riuscendo a strappare un incontro con il ministro Stefano Patuanelli, che si è mostrato favorevole al confronto sulle proposte dell’associazione per superare il problema posto dagli allevamenti intensivi italiani.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Onore a questi giovani che impegnano il loro tempo libero,invece di bighellonare davanti ai bar ad oziare,ad occuparsi di grandi ideali ,come la difesa dell’ambiente e la difesa degli animali,che negli allevamenti intensivi vengono allevati con crudelta’ e trattati con assoluto disprezzo ,per poi massacrarli in nome del piu’becero consumismo.Chapeau

  2. Io una soluzione ce l’ho : museruole sovrapposte e visiera paravento a tutti gli animali da allevamento!
    Sembra che con la “mandria” umana sia servito……

  3. … veramente meritevoli di ogni rispetto e di ogni onore. Mai, come nella fine del secolo scorso e questo attuale, vi è stato a disposizione di chiunque cibo a volontà. Associazioni, centri di accoglienza etc etc…. offrono ogni ben di Dio e…. eppure, continuiamo a consumare cibi inutili come la carne rossa, prodotti vegetali stracolmi di chimica, e non ci rendiamo conto che i prezzi offerti molte volte sono al di sotto dei costi di produzione… ‼️ Allora a chi giova❓ Giova al malaffare, alla criminalità, alle mafie che devono pulire denari sporchi. L’ago della bilancia siamo noi che continuiamo a comprare senza nessuna riflessione, consumiamo come se non ci fosse un domani, non leggiamo le etichette, e non ci poniamo minimamente il dubbio della provenienza. Purtroppo, tutto questo lo si trova nei supermercati e quasi tutti.. ‼️ Siamo noi che incentiviamo loro nell’offrire merci sempre più scadenti a prezzi sempre più bassi. Ma della salute nessuno ne parla❓ Degli allevamenti intensivi, con animali inoculati di antibiotici e mangimi Ogm… a nessuno frega❓
    .

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.