Variante Delta, Speranza: “Tampone e quarantena per chi arriva da GB”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha da poco firmato un’ordinanza che tocca vari punti. Il primo è l’ingresso in Italia dai Paesi dell’Unione Europea e da Stati Uniti, Canada e Giappone con i requisiti del Certificato Verde. Vietato ancora l’ingresso per chi proviene da India, Bangladesh e Sri Lanka e obbligo di quarantena e tampone per chi proviene dalla Gran Bretagna.

Queste ultime misure sono dovute all’avanzare della variante delta, conosciuta anche come variante indiana, che non solo in questi mesi ha messo KO il sud est asiatico ma anche la Gran Bretagna. Secondo i dati analizzati dai ricercatori, la variante indiana è la forma predominante di coronavirus pandemico circolante nel Regno Unito e si ritiene che sia del 60% più contagiosa di quella inglese.

Anche in Italia si sono verificati i primi casi di variante e per questo motivo la Fondazione Gimbe ha diffuso i dati sulle regioni italiane più colpite da questo nuovo ceppo del virus. “Secondo l’ultima indagine di prevalenza delle varianti pubblicata dall’Istituto Superiore di Sanità il 18 maggio, la variante delta è all’1% con differenze regionali e un range che va dallo 0 al 3,4%: in particolare, la diffusione maggiore si registra in Lazio (3,4%), Sardegna (2,9%) e Lombardia (2,5%).

Queste ultime misure sono dovute all’avanzare della variante delta, conosciuta anche come variante indiana, che non solo in questi mesi ha messo KO il sud est asiatico ma anche la Gran Bretagna. Secondo i dati analizzati dai ricercatori, la variante indiana è la forma predominante di coronavirus pandemico circolante nel Regno Unito e si ritiene che sia del 60% più contagiosa di quella inglese.

Anche in Italia si sono verificati i primi casi di variante e per questo motivo la Fondazione Gimbe ha diffuso i dati sulle regioni italiane più colpite da questo nuovo ceppo del virus. “Secondo l’ultima indagine di prevalenza delle varianti pubblicata dall’Istituto Superiore di Sanità il 18 maggio, la variante delta è all’1% con differenze regionali e un range che va dallo 0 al 3,4%: in particolare, la diffusione maggiore si registra in Lazio (3,4%), Sardegna (2,9%) e Lombardia (2,5%).

Ho firmato una nuova ordinanza che:
1) consente l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e da Stati Uniti, Canada e Giappone con i requisiti del Certificato Verde;
2) prolunga le misure di divieto di ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka;
3) introduce una quarantena di 5 giorni con obbligo di tampone per chi proviene dalla Gran Bretagna“.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Il tampone e la quarantena non servono a nulla anche perchè il primo non è rapido, mentre la quarantena c’è la possibilità che la persona non la rispetti. Ci vuole un genio per chiudere le frontiere alla gran bretagna? Per chi dice “ci vado per lavoro”, a questo punto restaci pure e non mettere in pericolo gli Italiani.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.