Consumi a picco nel 2020 con il Covid: in Italia persi 126 miliardi di euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Nel 2020, anno in cui è esplosa la pandemia di Covid, i consumi in Italia sono crollati. Lo scorso anno ha registrato un calo dell’11,7%, con una perdita complessiva di oltre 126 miliardi di euro, il peggior dato dal secondo Dopoguerra. Sono le stime di Confcommercio nel suo rapporto sul periodo 2019-2021

Pesa in particolar modo una riduzione del 60,4% della spesa dei turisti stranieri, pari ad una perdita di circa 27 miliardi di cui 23 miliardi concentrati soprattutto nelle regioni del Centro-Nord, con Lazio e Toscana in testa

Confcommercio sottolinea come il crollo della domanda abbia comportato, mediamente, “una perdita di oltre 2.000 euro a testa” rispetto al 2019, riportando i consumi “ai livelli del 1995”

A livello territoriale il Nord e il Centro pagano il conto più salato, con Veneto e Valle d’Aosta che sono le regioni con le maggiori perdite di consumi, pari ad oltre il 15%. Il Sud ha invece registrato dinamiche “lievemente meno negative”, spiega Confcommercio

Le previsioni per il 2021 “restano molto caute”, soprattutto per le “incognite sulla ripartenza del turismo internazionale”. Confcommercio prevede quindi una crescita dei consumi del 3,8% per l’anno in corso

“In valore assoluto, la spesa pro capite non riuscirà a recuperare nemmeno un terzo di quanto perso durante la pandemia”, avverte l’associazione. I consumatori con l’Unc parlano di “dati catastrofici” e “peggio di quelli dell’Istat”. Per il Codacons i consumi quest’anno non ripartiranno e “la strada per recuperare il gap è ancora lunga”

In questo quadro il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, intervenendo all’incontro della Giunta confederale col ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, ha fatto presente una serie di punti. In primis, gli interventi pubblici vanno ridotti in “modo graduale e selettivo”, la situazione del terziario “non consente di affrontare incrementi contributivi del costo del lavoro”, quindi per la riforma dell’Irpef “va ridotto il cuneo fiscale sul lavoro, ma la questione non può risolversi nello scambio tra meno imposte dirette e più imposte indirette”

Per il numero uno di Confcommercio, infatti, “la via maestra è nota: contrasto e recupero di evasione ed elusione insieme al controllo della spesa pubblica. E naturalmente un’equa global tax”. Serve poi una “stagione di robuste politiche attive”, col Pnrr da utilizzare per “risolvere i nodi strutturali” del Paese e “rilanciare un processo di crescita in affanno da almeno un ventennio”

Anche Giorgetti è stato netto. “Le sorti del Paese sono legate in modo chiarissimo a come saremo capaci di implementare il Pnrr”, ha affermato. “Ho sempre detto che non basta stanziare tante risorse, la cosa più importante è spendere bene queste risorse”, ha sottolineato il titolare del Mise, avvertendo però che “la macchina burocratica del Paese non è in grado di tradurre in modo così rapido gli stanziamenti in opere” per cui “è decisiva l’azione del governo”

Per dare poi respiro in questo momento alle imprese in difficoltà a causa della pandemia, Giorgetti ha detto che sulle cartelle esattoriali serve “un ammortamento dei debiti”. Infatti “tutto quello che si è accumulato in questo anno e mezzo non può essere richiesto ad attività imprenditoriali che escono faticosamente dalla crisi”, ha puntualizzato il ministro, chiudendo però con una vena di ottimismo per quanto riguarda la crescita del Pil quest’anno. “Potrebbe essere raggiunto il traguardo del 5%”, ha detto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. non me ne parlate, io stesso ho perso 6-7 miliardi di euro, mi volevo comprare la stampante nuova ma Amazon non ha fatto le offerte per colpa del Covid.
    Già che stiamo sparando numeri a caso, qualcuno tiene una 20ina di milioni di euro che gli avanzano, che mi compro la salernitana?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.