Ravello, la Fondazione scrive a Letta: Qui si fa musica non politica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
È montata – sulle dimissioni del dottor Scurati – una polemica politica, a cui il suo post odierno rischia di fare da sponda, su una vicenda rispetto alla quale la politica non c’entra nulla. Sarebbe opportuno che prima di trasformare in martiri della libertà persone che non lo sono, ci si informasse sui fatti”.

E’ l’incipit della lettera aperta inviata dalla Fondazione Ravello in risposta al segretario del Pd, Enrico Letta, che stamattina ha invitato Roberto Saviano e il dimissionario Antonio Scurati, da poche settimane alla guida della Fondazione Ravello, alla festa del Pd dopo che lo scrittore ha accusato il presidente della Campania De Luca di aver posto il veto alla sua presenza. Nella lettera, firmata dal consigliere anziano della Fondazione Paolo Imperato, si sottolinea come la Fondazione Ravello – in queste ore al centro delle polemiche – sia composta “da persone libere e autonome non meno dei signori Scurati e Saviano”.
“La ragione del Festival di Ravello – si spiega nel merito – è la realizzazione di eventi musicali di grande livello e la programmazione del Festival 2021, approvata dagli organi competenti, ha previsto qualificati concerti di livello internazionale, come da programma che si allega per opportuna conoscenza. Potrà venire quando vuole ad assistere agli spettacoli programmati dal direttore artistico Alessio Vlad, oltre che alla celebrazione del centenario della morte di Enrico Caruso, simbolo eterno della musica nel mondo. Altri eventi – si conclude la nota – che esulano dalla musica, peraltro mai proposti agli organi statutari, ma frutto di estemporanee e solitarie iniziative, sono sicuramente coerenti con la Festa dell’Amicizia, ma estranei ad un Festival, di rilievo internazionale, della musica, che non ha colori politici”.
(ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Scusate ma allora perché avete chiamato Scurati, uno scrittore, quando avevate bisogno del maestro Muti?

  2. ma a sinistra non sanno che la cultura non ha padrini politici vogliono mettere le mani… su tutto è il loro Dna !!!!

  3. Purtroppo Papino, il Grande Bluff, sta facendo schifare la Campania ed i campani.
    Altro che Orgoglio Campano e Napoletano………

  4. Questi sapiens di sinistra sono convinti che con la cultura si possono immobilizzare e sotto-mettere i cervelli liberi del popolo.Ma il popolo preferisce la cultura e il politicamente scorretto

  5. Voi siete lì non per competenza ma per affiliazione politica e dovete sempre ascoltare la voce del padrone

  6. Tutta questa polemica per cosa? Per non riuscire ad ascoltare la solita predica di un copione, che ha screditato la Campania agli occhi del mondo intero con le sue favolette scopiazzate da articoli di giornale e fascicoli di procure compiacenti. E che tra l’altro, pesa sulle tasche dei contribuenti per la, non comprovata esigenza di avere una scorta. Ravello aspira a ben altra cultura… Che vada a fare il guru altrove!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.