Blitz in Cilento. Donne dell’est nei campi a lavorare in condizioni disumane

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Dalla Moldavia in Italia senza documenti, costrette a pagare per non finire sulla strada: l’operazione dei Carabinieri sull’asse Cilento – Calabria ha consentito di mettere fine alla tratta.

I militari della Compagnia di Vallo della Lucania, di Agropoli, Castrovillari e Scalea, hanno eseguito 9 misure cautelari: 2 arresti in carcere, uno ai domiciliari e 6 obblighi di dimora. Numerosi sono i reati contestati agli indagati: associazione a delinquere per intermediazione illecita, sfruttamento del lavoro di moldave destinate al lavoro di badanti e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, estorsione.

Attraverso l’attività investigativa è stato scoperto che persone in cerca di lavoro venivano reclutate in Romania e in Moldavia da un’agenzia di Chisinau e, una volta giunte in Italia, le donne venivano dapprima condotte nel Cilento e poi avviate allo svolgimento, ad Agropoli, di lavori agricoli in condizioni disumane, venendo talvolta rinchiuse all’interno di case in condizioni igienico sanitarie precarie.

È venuta così alla luce una stabile organizzazione criminosa finalizzata alla consumazione di una serie indeterminata di reati. L’associazione era strutturata con un vertice composto da quattro soggetti, rispettivamente due italiani e altri due moldavi, residenti a Pollica e Agropoli, i quali ricoprivano il ruolo di promotori e organizzatori del sodalizio, reclutando dall’estero le vittime per poi farle arrivare nel comune di Agropoli. I restanti cinque – originari di Agropoli (Sa), Casal Velino (SA), Laureana Cilento (SA), Albanella (SA), Altomonte (SA), ricoprivano un ruolo operativo di accompagnatori delle moldave presso l’abitazione di Pollica o quella di esattori delle commissioni versate dai datori di lavoro delle vittime o, ancora quella di sostituzione delle lavoratrici in caso di insorgenza di problematiche.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Oltre agli extracomunitari sfruttati ci sono i campani sottopagati, sottomessi con buste paghe da fame comprese di TFR…oppure buste paghe parziali e il resto percepito in nero…Sono buste paghe da denuncia ma ovviamente se denunci perdi il lavoro!!! I controlli???? Dove sono??? Stiamo inguaiati!! Io incentiverei i lavoratori sottopagati a denunciare i datori di povertà in cambio di una retribuzione data dallo stato in modo tale da sostenere questa poveri gente con i soldi di questi sporchi imprenditori. Tutto qui!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.