Salerno, Comune si svuota: oltre 120 dipendenti in pensione, servizi a rischio paralisi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Comune, nell’ultimo anno oltre 120 dipendenti sono andati in pensione. Palazzo di Città vuole attendere la fine del Ripam – come titola il “Quotidiano del Sud” – prima di procedere.
Rispoli (Csa Fiadel): «La macchina è in affanno, rischio paralisi». I settori più debilitati sono quelli legati al front office.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. …. benissimo ed in bocca al lupo a chi ha raggiunto la maturità pensionistica.
    Adesso, si apre lo scenario de’ ” il circi De Lux”, ovvero, le pantomime per “sistemare” gli amici degli amici aldilà delle capacità e competenze…. ‼️
    Ci sarà un “grande spettacolo” e nani e ballerine, giullari di corte e saltimbanco, clown e sputa fuoco, domatori di vongole e parlanti agli uccelli, …. daranno sfoggio delle loro caratteristiche inusuali ed inutili, ma sempre apprezzate per rinfoltire la schiera dello zoccolo duro” De Lux”…
    Ci attende un inverno molto caldo ed il nuovo personale (prossimo alla pensione) sarà integrato nelle fila di coloro del prossimo scaglione pensionati.

  2. Per quello che c’è da fare e per i debiti accumulati questi pensionamenti sono veramente una manna dal cielo, si potranno risparmiare un po’ di soldini dati, fatte salve le dovute eccezioni, ai dipendenti zavorra e poco produttivi.
    Altro che assunzioni, stabilizzazioni, full time, etc.

  3. considerato che il 70% degli “impiegati” comunali lavorano al 20% delle capacità, spero che in questi 120 ci sia la percentuale massima di quel 70% di “sfaticati”. Il restante 30% lavora bene e di più del dovuto (anche per gli altri), su questo si dovrà concentrare la prossima amministrazione di centro destra che vincerà le elezioni, premiare il merito e punire i furbetti imboscati!

  4. molto bene! Speriamo che la percentuale di quelli che entreranno dal concorso RIPAM sarà a favore di quelli capaci e laboriosi e non degli incapaci e sfaticati.

  5. Bene, sarebbe ora che sto comune ricominciasse a fare asunzioni, riservando magari anche una quota per le categorie protette.

  6. bravi bravi, adesso i commentatori che schifano i dipendenti pubblici dovranno capire cosa significa rimanere senza servizi…bene bene avanti cosi. vedrete tra qualche anno quando vi servirà qualche servizio le imprecazioni che darete, però è giusto?? io il lavoro fisso non lo ho? quindi è giusto che tutti debbano avere il posto fisso o che chi lo ha, lo debba perdere??? riflettete senza pregiudizi e votate la destra mi raccomando.

  7. Denunciateil chi gestisce l’archivio storico di Salerno. M. A. non va mai a lavoro. Cacciatelo! Non fa lavorare nessuno. E se si va a chiedere informazioni ci si viene insultati. E’ Una mina vagante. Non lavora e se uno non lavora vuol dire che si ruba lo stipendio

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.