Variante Delta, in Uk impennata di contagi. Su 117 vittime 50 erano vaccinate

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
I numeri non confortano. Su 117 casi di pazienti uccisi dalla variante Delta in Gran Bretagna, circa un terzo (44) non erano immunizzati, ma poco meno della metà – 50 casi- avevano ricevuto entrambe le dose di un vaccino anti Covid-19. Il virologo, Guido Silvestri, in un post su Facebook ha però ricordato che di questi la maggior parte aveva “severe patologie pregresse”. Dubbi sull’efficacia dei vaccini? No. In realtà questo è proprio quello che ‘dovremmo aspettarci da vaccini efficaci ma ancora imperfetti la cui efficacia varia a seconda dell’età’, come sostengono in un un articolo del Guardian, gli scienziati David Spiegelhalter Presidente del Winton Centre for Risk and Evidence Communication di Cambridge e Anthony Masters ambasciatore della Royal Statistical Society. La variante Delta sta seminando il panico e facendo rialzare le curve dei contagi, anche se per fortuna quelle dei ricoveri salgono più lentamente, stando alle ultime statistiche di Public Health England che al 25 giugno segnano 514 ospedalizzazioni con 304 pazienti che non erano vaccinati.

Variante Delta, nuovo record di casi in Regno Unito da gennaio: quasi 23mila. Preoccupano i 60mila spettatori previsti a Wembley
Solo ieri il Regno Unito ha registrato 22,868 nuovi contagi e 3 decessi, per il 95% causati dalla variante Delta, divenuta la dominante dopo Alpha (la cosiddetta ‘variante inglese’ identificata a settembre 2020) che ha provocato 274,410 contagi, e la Beta, identifica in Sudafrica e sequenziata per la prima volta in Regno Unito a dicembre 2020, responsabile di 1053 casi. La variante Delta ha contagiato un totale di 111,157 britannici. Al 21 giugno scorso sui 92,029 casi ricoveri in terapia intensiva per via di Delta (di cui solo 9571 tra pazienti sotto i 50 anni) oltre la metà dei pazienti ( 53822) non erano stati vaccinati ( 52.846 casi sopra i 50anni) mentre 13,715 persone sono finite in ospedale dopo 21 giorni dalla prima dose, 7,235 avevano ricevuto anche il richiamo.

I vaccini sono efficaci, ma non sono tutti uguali – Per quel che riguarda i contagi, i vaccini hanno il 10% in meno di efficacia contro la variante Delta rispetto ad Alpha (79% contro l’89%). Le due iniezioni di vaccino offrono però percentuali di efficacia superiore contro le ospedalizzazioni, con una protezione del 93% nel caso di Alpha e del 96% contro la variante Delta. Le statistiche di PHE e la MRC Biostatistics Unit dell’Università di Cambridge calcolano anche che il programma vaccinale contro il coronavirus sia stato in grado di prevenire 7,2 milioni di infezioni e 27mila morti solo in Inghilterra.

Fatto Quotidiano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.