Scuola, dalle mascherine al distanziamento: indicazioni per rientro a settembre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
A settembre inizierà il secondo anno scolastico con la pandemia di Covid-19 in corso. La volontà del ministero dell’Istruzione e del governo è di riportare tutti in presenza

In questi giorni sono attese le modifiche al Piano scuola con le misure aggiornate per far fronte all’emergenza sanitaria

A quanto si apprende, le questioni relative alla scuola sono state affrontate in una riunione del 25 giugno. Il Comitato tecnico-scientifico ha risposto a una serie di quesiti posti dal ministero dell’Istruzione sul ritorno tra i banchi

Secondo il parere del Cts, a settembre si dovrà tornare a scuola con la mascherina e rispettando il distanziamento, come nell’anno che si è appena concluso

Vista l’incertezza dello scenario epidemiologico, per il Cts vanno individuate già ora le misure di massima da applicare per gli istituti scolastici a seconda che si trovino in zona bianca, gialla, arancione o rossa

Gli esperti hanno spiegato che, in linea generale, “le misure da applicare per l’inizio dell’anno scolastico 2021-22 dovrebbero essere le stesse previste all’inizio del precedente anno scolastico”

Il Cts ha comunque ricordato che le vaccinazioni porteranno a una riduzione della diffusione del virus

E proprio sul tema della vaccinazione ai giovani, il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo) Filippo Anelli ha detto: “Se finora poteva essere anche accettato un atteggiamento di prudenza riguardo al vaccino facendo un rapporto costo-beneficio, e si poteva in qualche maniera pensare di aspettare e vedere l’evoluzione”, l’attuale “quadro epidemiologico, con la variante Delta” porta il “consiglio di affrettarsi a fare la vaccinazione prima dell’inizio della scuola
“La preoccupazione maggiore che noi abbiamo – ha affermato Anelli – è la ripresa scolastica, perché come in tutte le attività di comunità” il “rischio che si possano instaurare dei focolai è molto alto, e con la variante Delta diventa oggetto di una particolare preoccupazione”
E ha aggiunto: “Decidere insieme al proprio medico è la pratica prudenziale maggiore. Sui ragazzi c’è stata una doverosa preoccupazione da parte dei genitori”
Infine il Cts ha escluso l’utilizzo del Green Pass in ambito scolastico, perché ritiene che “non sia plausibile” l’uso sia per questioni di privacy sia perché non esiste l‘obbligo vaccinale
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.