Crisanti: Stiamo creando il terreno per una nuova variante resistente ai vaccini

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Fuori dal coro, come spesso gli è successo nei mesi scorsi. Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia a Padova dopo anni all’Imperial College di Londra, sostiene che “non siamo sulla buona strada per l’uscita dalla pandemia, anzi continuando così stiamo creando il terreno per una nuova variante del tutto resistente ai vaccini”, dice alla Stampa.

Tutti i dubbi di Crisanti
Secondo un recente studio israeliano il vaccino Pfizer sarebbe meno efficace contro la variante Delta, la protezione con la doppia dose calerebbe dal 94 al 64 per cento: “Conferma i dati inglesi – spiega Crisanti – e cioè che la variante Delta infetta i vaccinati e si trasmette più pericolosamente. Per i non vaccinati si fa dura, perché sono più esposti al virus. Per i vaccinati invece resta importante mantenere le misure di sicurezza, perché esiste la possibilità di reinfettarsi”. Le due dosi continuano a proteggere dalla malattia grave “ma raramente può accadere di ammalarsi comunque. Pensiamo agli anziani e ai soggetti fragili la cui l’immunità può durare di meno per esempio, rendendo auspicabile una terza dose”. Lo studio dice che il vaccino Pfizer Covid-19 è meno efficace contro la variante Delta del Sars-cov-2 per quanto riguarda la prevenzione dal contagio e dalla malattia sintomatica: è efficace per il 64%, con un calo quasi del 30%. Ma lo studio dice anche che il vaccino resta ancora efficace al 93% (era del 97% contro il ceppo originario e la variante inglese) nel prevenire i ricoveri e le forme gravi di malattia da Covid-19.

Sulla durata dell’immunità ammette: “Dopo otto mesi non ne sappiamo nulla”. E le altre varianti? “La variante californiana sembra pericolosa, ma deve ancora dimostrare sul campo la sua capacità trasmissiva. Ci potrebbe essere in futuro una nuova variante che combini contagiosità della Delta e resistenza della Epsilon” – avverte Crisanti – e a quel punto “si ricomincia da capo, si aggiornano i vaccini, si mette in campo un tracciamento vero e, mi permetto di aggiungere, si mandano a casa gli attuali politici”. Uno scenario che non si augura nessuno, ma che secondo l’esperto è possibile. “I modelli epidemiologici vincenti sono Taiwan, Singapore, Australia e Nuova Zelanda” per Crisanti. LItalia “non contrasta il contagio per decisioni politiche che rifiuto di commentare”. Si è favorita la ripresa del turismo, “sottovalutando i rischi per l’autunno. L’Italia era e rimane in una condizione di vulnerabilità”, conclude Crisanti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Questi sono gli esperti Italiani. Anziche cercare di risolvere il problema dei contagi, puntano il dito contro di noi. I peggiori sono chi gli dà voce. Ma non si era detto che parlava solo figliulo? La magistratura perchè non controlla la libertà di espressione? Libertà di stampa non vuol dire allarmismo. Spero in qualche azione legale, e non mi riferisco a queta ma in generale contro chi ha fatto la propaganda sul covid, ma la lista mi sà che è lunghissima.

  2. A dire il vero Crisanti ha salvato il Veneto nei primi mesi della pandemia. Grazie alla sua preziosa consulenza Zaia è riuscito a contenere i danni.
    E non tocca a Crisanti risolvere il problema, visto che non è stato coinvolto nel CTS. Ma che almeno possa esprimere la sua opinione, no? Tanto più che i fatti purtroppo gli hanno quasi sempre dato ragione.
    A meno di non essere novax complottisti, occorre dargli credito.

  3. Crisanti non è un virologo, si è occupato di ben altro nella sua attività professionale in quel di Londra, da cui il soprannome di ‘zanzarologo’… Qualcuno pensa che abbia salvato il Veneto, embè non ci vuol niente a tenere murata a gente in casa, come in altre parti d’Italia .. forse non si è compreso ancora un punto, e cioè cosa sia accaduto nella bergamasca nel febbraio 2020 per un virus che circolava in Italia da almeno tre mesi prima, e alcuni degli addetti ai lavori non credono alla favola del paziente zero in uso alla versione ufficiale con i camion di Figliuolo che avviavano le bare degli ‘infetti’ ai crematori…

  4. Anonimo, è la gente come te che non ci farà uscire dal problema. Sei un tuttologo presuntuoso e soprattutto schierato(ti ho inquadrato in pieno…) Tu manco di zanzare potresti occuparti…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.