Variante Delta? Per Bank of America ripresa economica a rischio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Chi pensava di essersi liberato definitivamente della pandemia con l’avanzare delle vaccinazioni, ha fatto male i suoi calcoli. Quantomeno non ha fatto i conti con la variante Delta che sta opprimendo le Nazioni di tutto il mondo, lanciando segnali preoccupanti.

Proprio quei Paesi che avevano staccato tutti nella graduatoria delle vaccinazioni, oggi si ritrovano in casa nuove fiammate di contagi da dover gestire con restrizioni o perlomeno con il rinvio degli allentamenti. Israele, che era stata eccellenza assoluta con il 57% della popolazione totalmente immunizzata, ha dovuto riammettere l’utilizzo della mascherina. Mentre in Gran Bretagna, i cui vaccinati con doppia dose sono arrivati al 50% della popolazione, la riapertura totale è stata posticipata di un mese.

In altri Paesi, dove le vaccinazioni sono state più blande, le misure adottate per frenare l’aumento delle infezioni sono addirittura più aggressive, come la reintroduzione del coprifuoco in Portogallo. Insomma, il CovSars2 è ancora tra noi e la sensazione che emerge negli ultimi giorni è che la battaglia sarà ancora lunga.

 

BofA: la variante Delta una minaccia per la ripresa
A questo punto, le istituzioni cercano di organizzarsi per accelerare il processo di vaccinazione, esortando nel contempo i concittadini ancora indecisi a rimuovere le proprie resistenze e procedere con l’inoculazione del siero.

Il punto adesso è quello di verificare che i vaccini esistenti siano in realtà immunizzanti contro il nuovo ceppo indiano. Da Israele non arrivano notizie troppo rassicuranti. In base all’ultimo studio effettuato, sembra che Pfizer sia in grado di proteggere un individuo vaccinato per il 67%, per quanto sia in grado comunque di impedire con alta probabilità che il contagiato vada a finire in ospedale. La speranza insomma è che questo maledetto virus alla fine si riduca a poco più di una normale influenza, fermo restando che, a quanto pare, diventerà endemico per non si sa quanti anni.

Alla luce di tutto questo, il boom di crescita post-pandemico tanto profetizzato potrebbe essere messo seriamente a rischio, mandando all’aria la stagione turistica su cui molti facevano affidamento. È questa l’affermazione da parte degli analisti di Bank of America, i quali temono che i consumatori potrebbero frenare gli acquisti prevedendo un riaffacciarsi della pandemia, con le conseguenti chiusure nella stagione autunnale.

Secondo gli esperti, se in estate il turismo dovesse subire una frenata inaspettata proprio per via della variante Delta, la ripresa economica potrebbe essere ritardata e questo imporrebbe ulteriori misure di sostegno fiscale, soprattutto nell’Europa meridionale. Per la banca d’affari, la speranza è che il clima più caldo faccia rallentare l’avanzata del contagio per permettere il raggiungimento di un livello di vaccinazione tale da rendere la mutazione del virus più inoffensiva.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.