Variante Delta. Vaccini non bastano. Oms: nuovi lockdown in vista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
I vaccini non bastano ad arginare la variante Delta e l’epidemia di Coronavirus. È il drammatico monito dell’Organizzazione mondiale della Sanità, a commento di quanto sta accadendo in Inghilterra e soprattutto alla luce dello studio israeliano sul vaccino Pfizer, che avrebbe un 30% di efficacia in meno nella protezione dalla cosiddetta variante indiana, destinata a diventare dominante nel mondo nelle prossime settimane. “Assumere che il tasso di infezione da Covid non aumenterà grazie ai vaccini è un errore – spiega l’Oms -. Facciamo appello affinché si usi prudenza estrema per quanto concerne la fine totale delle restrizioni sanitarie e sociali in questo momento, altrimenti ci saranno delle conseguenze”.

Al di là di distanziamento sociale e mascherine da mantenere, insomma, le parole d’ordine sembrano ancora essere chiusure selettive, limitazioni e, in casi estremi, zone rosse e lockdown.  Nel rapporto settimanale sull’epidemia viene sottolineato come la variante Delta abbia raggiunto ormai 104 Paesi al mondo, 7 in più solo nell’ultima settimana. Al primo giugno era stata registrata in 62 Paesi, per poi passare a 80 a metà mese. “Abbiamo appena superato il tragico traguardo di quattro milioni di morti registrate per Covid-19 – ha spiegato il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus – , che sicuramente sottovaluta il bilancio complessivo”.

In Gran Bretagna, che il 19 luglio procederà alla riapertura totale di attività e luoghi pubblici, si sono registrati 32.500 casi giornalieri. La proiezione degli esperti parla di 100mila casi al giorno e il premier Boris Johnson ha già avvertito i suoi connazionali, chiarendo che è ragionevole aspettarsi per le prossime settimane picchi di mortalità decisamente più alti. Al momento, nonostante l’aumento dei positivi, resta sotto controllo il totale dei ricoveri negli ospedali (salito poco oltre quota 2.400) e lo stesso numero delle vittime (33, martedì erano state 37) a testimonianza di come il vaccino (AstraZeneca, nel caso inglese) probabilmente sia meno efficace contro la variante Delta ma protegga sufficientemente dalla forma grave del virus.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.