Made in Italy, dati incoraggianti dal 16° Rapporto annuale “R-Esistiamo” (di T. Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
All’inizio dell’estate 2021, in un contesto caratterizzato dal miglioramento delle condizioni sanitarie, si moltiplicano i segnali congiunturali positivi.

Rimane sostenuta la velocità di vaccinazione e al 6 luglio è salita al 57,2% la quota di popolazione che ha ricevuto almeno una dose di vaccino, superiore del 52,7% della media Ue, mentre prosegue la discesa dei decessi causa della pandemia.

Gli investimenti e il comparto delle costruzioni trainano la ripresa e il dinamismo della produzione manifatturiera sostiene le esportazioni che, nei primi quattro mesi di quest’anno, risultano superiore del 3,6% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Nel dettaglio settoriale computer ed elettronica registra un livello dell’export dei primi quattro mesi del 2021 del 18,2% superiore allo stesso periodo del 2019, metalli del +12,0%, per food e bevande del 10,6%, farmaceutica del 10,4%, apparecchi elettrici del +8,2%, chimica del +7,1%, altre manifatturiere del +4,2%, gomma, plastiche, vetro, cemento, ceramica, ecc.  del +3,8%.

Sotto della media della manifattura, o in flessione, si collocano i settori di mezzi trasporto con +1,1%, macchinari con -1,3%, legno e carta con -3,7%, moda con -8,6%, prodotti raffinati con -9,5%.

L’export di alimentare e bevande ad aprile 2021, negli ultimi dodici mesi cumula un valore di 38,2 miliardi di euro. Nei primi quattro mesi dell’anno risulta superiore del 5,2% rispetto allo stesso periodo del 2020 e addirittura del 10,6% a fronte del medesimo periodo del 2019.

In chiave provinciale, le prime dieci posizioni per quota di export di food e bevande sono occupate da Cuneo (7,6% dell’export nazionale nel primo trimestre 2021), seguito da Verona (7,3%), Parma (5,2%), Milano (4,8%), Salerno (4,3%), Torino (3,4%), Modena (3,2%), Treviso (3,0%), Napoli (2,9%), Bolzano e Bergamo (entrambe con 2,3%).

Nel confronto internazionale, in relazione al primo trimestre dell’anno, nel 2021 l’export di food e bevande in Italia è del 7,5% superiore allo stesso periodo del 2019, a fronte del +4,9% dei Paesi Bassi, del +1,9% della Francia e del +1,2% della Germania.

L’analisi dei dati della produzione evidenzia ad aprile 2021, nel settore alimentare e bevande, un calo dello 0,2% rispetto a marzo, ma nel trimestre febbraio-aprile 2021 la produzione cresce del +3,3% rispetto al trimestre precedente, un ritmo doppio del +1,7% della media della manifattura.

Nell’artigianato dei prodotti alimentari e delle bevande operano 34.326 imprese artigiane attive con 150.533 addetti, pari al 62,4% delle imprese del settore e al 32,9% della relativa occupazione.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.