Trasporto pubblico locale in provincia di Salerno, l’Adiconsum Cisl diffida Busitalia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Ripristinare le attività di trasporto pubblico locale in provincia di Salerno. L’Adiconsum provinciale diffida la società Busitalia Campania e scrive ai vertici della Regione Campania.  “Con le ultime disposizioni, dettate dal ministero della Salute, la regione Campania dal 21 giugno è entrata in zona bianca consentendo alla popolazione il ritorno graduale alle normali attività sociali e lavorative”.

“Tali disposizioni hanno determinato la revoca del “coprifuoco” e pertanto ad oggi sarebbe opportuno e dovuto il ripristino di tutti i servizi, anche nelle fasce serali in cui in precedenza, a causa di questa restrizione, tali servizi erano stati soppressi”, si legge nella nota diramata dai vertici dell’associazione dei consumatori della Cisl.

Come evidenziato dalle molteplici segnalazioni dei pendolari, il servizio offerto appare palesemente insufficiente e non rispondente alle esigenze degli utenti né tanto meno, corrispondenti alla carta dei servizi dichiarata dall’azienda.

Da qui, l’impegno dell’Adiconsum Salerno per chi usa i mezzi pubblici per spostarsi in tutta la provincia. “Sembrerebbe che i disservizi siano dovuti alla carenza di personale di guida e ad una inadeguata programmazione dei turni che, tra l’altro ha portato a uno sciopero degli autisti della stessa Busitalia”.

“Il ripristino immediato delle corse viene richiesto anche quale strumento necessario al contenimento della diffusione del Covid-19, infatti, vengono segnalati, nelle ultime partenze, assembramenti di viaggiatori oltre 80% della capienza prevista.  In assenza di un solerte riscontro si valuteranno, a tutela dell’utenza, tutte le forme e iniziative
per garantire alla cittadinanza un servizio adeguato in termini quantitativi e qualitativi”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. In arrivo un’altro “primato”?
    Dopo tasse, sanità, qualità della vita, ecc, alla lista si aggiunge anche il trasporto pubblico!

  2. Quello che volutamente non dicono Adiconsum, Regione e Comuni ed altri è il semplice fatto che i Comuni non versano a Busitalia il dovuto per il mantenimento di più corse serali e festive. Il tempo dei fallimenti dei consorzi intercomunali e provinciali è finito.Paghi? E allora avrai tutti i servizi che vuoi. Non paghi? E’ il caso di dire attaccati al tram…………………..

  3. Purtroppo del trasporto pubblico non interessa nulla a nessuno! Autisti in balia del nulla, che ormai non possono chiedere nemmeno 1 giornata di ferie! Purtroppo i problemi li conoscono tutti ma la politica è assente e i sindacati tranne qualcuno sono ridicoli! Quindi finitela di fare queste finte non siamo in un campo di calcio ma nel paese degli strafottente!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.