Il campo di concentramento di Tarsia… (di Enzo Todaro)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nell’età giovanile restano impresse nella memoria, in controtendenza con il lento scorrere del tempo, realtà, fatti, circostanze. Avevo poco più di 6 anni quando da bordo dell’auto di famiglia la mia attenzione fu attratta, seppur dall’alto di una collina, da un riquadro di terreno paludoso, recintato, guardato a vista da uomini armati.

Seppi da mio padre, antifascista per vocazione, che avevo fissato gli occhi su un campo di concentramento in cui erano stati deportati ebrei e varia umanità contraria ad ogni forma di dittatura.

Gente comune ma anche tanti professionisti, artisti, uomini di cultura, scrittori.

Un numero notevole era rappresentato da ebrei provenienti dai Paesi dell’Est, dai Balcani e residenti in Italia

Vittime delle leggi razziali! Il campo di concentramento era stato localizzato dal regime in località “Ferramonti” del comune di Tarsia, in provincia di Cosenza.

Gli abitanti del piccolo centro calabrese durante il periodo bellico 40-43 hanno scritto una pagina meritoria di umana solidarietà.

Ogni giorno si recavano in località “Ferramonti” e dall’esterno porgevano agli internati pur nell’esiguità della loro disponibilità generi alimentari di ogni genere.

Una solidarietà concreta chi non sarebbe stato possibile attuarla senza la compiacente distrazione dei ‘guardiani del regime’

Il giorno della liberazione gli internati naturalmente fecero festa.
Gli Ebrei non nascondevano la loro origine e gli antifascisti potevano esprimere liberamente le proprie idee.

Alcuni ex internati preferirono nuove residence in Calabria. Fra gli ex internati emergono per alta professionalità un noto chirurgo, ebreo polacco, ed un famoso violinista.

Il campo di concentramento di Tarsia è rimasto semprevivo nella mia iniziale visione. Fino al 1943 ho pensato con angoscia che forse anche mio padre sarebbe finito, per delazione, all’interno di quel reticolato.

La realtà più ben diversa e da adulto feci mia la scelta di libertà di mio padre

Di Enzo Todaro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.