Rubavano nelle case mentre c’era il funerale: sgominata banda nel salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Nelle prime ore del mattino, a Mercato San Severino (SA) e Montoro (AV), i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno hanno eseguito un provvedimento cautelare personale emesso dal GIP del Tribunale di Nocera Inferiore (SA) – in accoglimento di una querela della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore diretta dal Procuratore della Repubblica Antonio CENTORE – nei confronti di 6 soggetti (di cui 3 in carcere, uno agli arresti domiciliari e due senza residenza in provincia di Salerno).

La misura cautelare è stata emessa a seguito di una dettagliata attività investigativa svolta dalla Compagnia Carabinieri di Mercato San Severino (SA) nel 2019, i cui risultati sono stati esaminati dal sostituto procuratore Davide PALMIERI.

L’indagine è stata condotta con il supporto di attività tecniche e servizi mirati di osservazione, controllo e pedinamento. L’attività si è rivelata particolarmente complessa poiché i soggetti indagati, per eludere i controlli, non hanno esitato a ricorrere all’intestazione fittizia delle schede telefoniche.

L’inchiesta ha permesso di ricostruire l’esistenza di un gruppo criminale, responsabile di numerosi furti all’interno delle abitazioni e che in una circostanza non ha esitato a commettere il delitto approfittando del fatto che i proprietari dell’abitazione erano impegnati al funerale di un familiare; il che dimostra la particolare cura e spregiudicatezza con cui sono stati selezionati gli obiettivi.

Il gruppo disponeva di recinti di riferimento, legati ad attività commerciali, ai quali veniva consegnato l’oro sottratto ed anche una pistola di grosso calibro sottratta nel Comune di Montoro (AV). I sospetti sono stati anche responsabili di molteplici episodi di estorsione durante i quali non hanno esitato a picchiare le vittime in pubblico.

In merito ai reati di usura, si segnala che le aliquote applicate hanno raggiunto anche il 400% sulla somma di denaro prestata. In alcuni casi le vittime, per timore di ritorsioni, non hanno voluto denunciare i propri aguzzini, rinunciando a qualsiasi tipo di collaborazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Speriamo che facciate una brutta fine soffrendo tantissimo e presto!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.