Serie A: il nuovo “calendario aziendale asimmetrico” di Antonio Sanges

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Il prossimo 22 agosto riparte il campionato di calcio di Serie A con la novità del “calendario partite asimmetrico”. Dal punto di vista aziendale, tale innovazione, determinerà anche un positivo impatto “economico finanziario” sui bilanci societari dei club di serie A?

In attesa di conoscere i dati di bilancio alla data del 30 giugno 2021, e dell’applicazione del “salary cup”, bisogna rilevare che alla data del 30 giugno 2020 (anche a causa del Covid19), i club di calcio di Serie A, hanno quantificato “perdite aggregate” di esercizio pari a 745 mln di euro, (al 30 giugno 2019 tale valore risultava essere  292 mln di euro),  maggiore indebitamento fissato in 2,8 mld di euro. (fonte Gazzetta dello Sport).

La “perdita di esercizio” per ogni singolo club, potrebbe essere “stimata con un valore negativo” di circa 37,25 mln di euro. Bilanci aziendali in “utile” per: Atalanta (+26,5 mln euro), Genoa (+10,2), Verona (+8,3), Cagliari (+2,6 ), Sassuolo (+800 mila).

In “perdita”, risultano invece i bilanci dei club : Roma (-204,1 mln euro), Milan (-194,6), Inter (-102,4), Juventus (-89,7), Bologna (-39,5), Fiorentina (-27,5), Lazio (-15,9), Torino (-14), Sampdoria (-13,1), Udinese (-10).

 Per i tre club invece,  che la  stagione calcistica 19/20 , hanno disputato la serie A,  e la passata stagione hanno giocato in cadetteria, i risultati d’esecizio risultano essere i seguenti :Brescia (+5,1 mln),Spal (-1,6), Lecce (-1,1),

Alla data del 30 giugno 2021, le società di calcio italiane (relativamente alla stagione sportiva 2020/2021), potranno avvalersi delle norme Covid19 (rinvio delle perdite di esercizio ed alla mancata contabilizzazione degli ammortamenti), ma le stesse, dovranno attivare progetti aziendali finalizzati a “riequilibrare i conti economici negativi” derivanti dall’effetto pandemico e dalla crisi del sistema calcio.

Le prime stime dell’effetto Covid19 sulle società di calcio del “vecchio continente”, (attivate da Calcio&Finanza) rilevano una  “diminuzione  di ricavi societari” per un valore determinato tra i 6,5 mld euro e 8,00 mld di euro, con relativa ricostruzione a breve  del capitale sociale per un valore stimato di pari importo (solo i 20 top club europei, hanno perso circa 1,1 mld di euro) .

L’effetto pandemico Coivid19, sta modificando anche la normativa sul “fair play finanziario dei club di calcio”. Riguardo a tale problema, l’Uefa stà studiando una modifica delle norme sul “fair play” (pareggio di bilancio), raccordando le stesse  al nuovo principio di “spesa necessaria senza sprechi”.

In riferimento alla diminuzione dei “ricavi da stadio”, e “ricavi da sponsorizzazione”, derivanti da Covid19, quale modelli di “business strategy”,  dovranno attivare le società di calcio,  per rendere il proprio bilancio aziendale “sostenibile”?

In tale ottica, la regola del fair play “spendere in base agli incassi” , dovrà essere messa in “fuori gioco”, ed al fine di determinare la “sostenibilità’” dell’azienda calcio, a breve dovrà essere attivato il principio aziendale del “salary cup”.

Allo stato, le società di calcio, con “minimi flussi di cassa” , devono rivedere il valore dei costi fissi di gestione, ed in particolare modo la voce di bilancio “salari e stipendi dei calciatori”, che rileva il 70/75% del valore dei “ricavi aziendali”.

Calendario “aziendale asimmetrico”, per vincere la sfida alla crisi del “sistema calcio” ?

Antonio Sanges – Dottore Commercialista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.