Green Pass, Locatelli: “Inevitabile anche in ristoranti al chiuso”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
“Credo che vadano fatte scelte per contrastare la ripresa della circolazione virale.

Dare accesso a determinate attività a chi è stato vaccinato, o comunque ha il certificato verde, è una strategia inevitabile. Penso a concerti, grandi eventi, stadi, cinema, teatri, piscine palestre.

In questi casi è fuori discussione la necessità del documento”. Così Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente dell’Istituto superiore di sanità, in una intervista a “la Repubblica” sull’utilizzo del “Green Pass”.

“Premesso che la scelta spetta al decisore politico – sottolinea Locatelli – a titolo personale, dico che va considerato seriamente anche il Green Pass per mangiare al chiuso nei ristoranti. Peraltro, chi esita a tornare nei ristoranti credo che lo farebbe con più tranquillità sapendo che vi hanno accesso persone con il certificato”.

Covid, Locatelli: “Netta ripresa soprattutto tra i giovani”

“I dati indicano una ripresa netta della circolazione virale nel Paese. Anche nelle ultime 24 ore abbiamo avuto un incremento, di circa 300 casi. Come ha documentato la Cabina di regia, l’età mediana dei contagiati è 28 anni, dato che dimostra come i contagi siano legati in buona parte alla popolazione giovane in ragione della maggior socializzazione del periodo estivo, un po’ come è successo l’anno scorso”.

Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente dell’Istituto superiore di sanità, in una intervista a “la Repubblica” accende nuovamente i riflettori su una possibile ripresa significativa dei contagi.

Sull’aumento dei casi covid legato ai campionati europei di calcio, Locatelli sottolinea che “si cominciano a osservare e probabilmente ne vedremo di più. Del resto, è ben noto che l’incubazione del virus dura tra i 5 e i 7 giorni. Gli assembramenti e gli affollamenti hanno favorito la circolazione virale. Basta pensare anche ai focolai legati ai quarti e semifinali a Roma”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. ma no perchè?…..la meloni ed il salvini….la pensano diversamente…ma se esiste un Dio prima o poi l’intensiva anche per loro.
    Cosa c’è da discutere per i ristoranti???non sei vaccinato??? non ci vai punto

  2. Certamente, altrimenti che dittatura è, dal controllo delle persone , tracciamento, fino al famoso coprifuoco ( mi ricorda qualcosa ), per fine con il terrore , che come dichiarato in altri tempi era per controllare il popolo .
    Ma logicamente solo per l’Italia, perché mentre qui morti dalla paura accettiamo, in questo momento Parigi è a ferro e fuoco , per non parlare in altri paesi dove ormai le restrizioni ( la metà delle nostre )sono solo un ricordo, vedi Polonia , Spagna, Slovacchia , Repubblica Ceca , Germania, Portogallo ecc ecc .
    Forza fatevi inoculare come nei vecchi campi di concentramento , ah già li vi timbravano

  3. Secondo me è meglio così, e non lo dico per schernire i babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati o questi sub normali politici (abusivi), ma perché ho fatto un piccolo ragionamento : i vaccini ad oggi non mi sembra siano stati così miracolosi ;prima e seconda dose, tra non molto terza e quarta e chissà quante ancora, e i risultati quali sono?
    Con i vari vaccini sono spuntate le varianti, le persone vaccinate continuano ad infettarsi ed a MORIRE, contagiano e devono comunque portare la museruola.
    Allora io dico che sarebbe il caso di separare le persone vaccinate da chi non ha fatto nulla e vedere se veramente la situazione migliora.
    I vaccinati da una parte e gli altri dall’altra, senza frequentare gli stessi luoghi e vediamo che succede.
    Io credo che i museruolati sarebbero entusiasti di questa prova, anche perché sono stati loro i promotori di vaccini, green pass, Lock dawn e coprifuoco, più museruole sovrapposte e visiera paravento, ecc.
    Ciao

  4. Ma scusate la Democrazia che fine ha fatto mi sa che la dittatura ha preso il sopravvento poveri noi siamo all’assurdo.

  5. Ma lo volete capire, che per la prima volta nella storia dell’umanita’, questa volta non c’ e’ il tempo materiale per poter, come sempre, sperimentare questi vaccini sui poveri ed indifesi bambini, uomini e donne africani, vero Montagnier?, stavolta se vogliamo sopravvivere mantenere e difendere il nostro benessere economico, siamo noi stessi chiamati a rischiare e a fare da cavia. I beni informati esperti no vax lo sanno bene che tutti i medicinali che servono a curarci ed a guarirci dalle malattie sono il frutto di anni di sperimentazioni fatti su ignari e deboli uomini del terzo mondo, sfruttati e massacrati dalle multinazionali del farmaco e sacrificati per il nostro benessere, nessuno che si ribelli? Nessuno si indigna, nessuno protesta? Quanta vilta’ ed ipocrisia.

  6. x il paolo delle 11.17. Io la dittatura , quella vera l’ho conosciuta, viaggiando in paesi Africani e sudafricani anni fà…Non hai proprio idea di quello che dici…dittatura vietare di andare al ristorante??, di andare a vedere o’ pallone??di frequentare luoghi gremiti di persone al limite della decenza umana???te la farei conoscere io la vera dittatura….siete imbecilli ed agli imbecilli deve essere vietato ogni libero arbitrio, come pecore andate trattati perchè per voi Democrazia significa solo fare i c…i propri senza fregarsene di nessuno. Andate a vivere tra le montagne ….isolati…li’ si che fate il che c…o volete, non meritate di vivere in comunità (detto anche gruppo se qualcuno non lo sapesse)

  7. Per commento delle 12:33

    Stima profonda, viaggiare apre la mente, questi al massimo vanno a “SALIFORNIA” dove puzza di cesso, o a Mercatello con la spiaggia zeppacdi merda di cane, sta gente è letteralmente IGNORANTE… O TROPPO FURBA.

  8. Per 11:44

    Se pensi come scrivi allor stai proprio nguaiat, “ed a morire?!” “lock dawn?! ”
    Ma vat corc va… Che è megl, a museruola azziccatel ngul

  9. Quando qualcuno ti dice dove devi andare cosa fare, e ti costringe a fare un vaccino per aver il green pass e frequentare luoghi indispensabili per i bisogni umani, questa per me si chiama dittatura.
    Soltanto perchè non c’è violenza, non vuol dire che non ci sia un sentore di dittatura. Già ipotizzare che senza il green pass non posso andare in un bar, la dice lunga sull’obbligatorietà del vaccino, e prima che mi affibbi nomignolo come no vax, no mask, ti garantisco che ho fatto il vaccino perchè credo nell’immunità che essi portino. Ma se altri non vogliono farlo, non mi invento la cazzata del green pass per farglielo fare subdolamente.
    Ogni uno dovrebbe pensarla come vuole, ma in questo paese non succede più.
    Basti vedere che non ci fanno votare nemmeno più.

  10. hippopotamo se hai i soldi per viaggiare non vuol dire che sei superiore a me che non li tengo.
    Domandati perchè le spiagge e il mare di Salerno sono ridotte così.
    Per quello che dice che ci dovrebbero governare con la mazza, DEMOCRAZIA, decidere all’unanimità cosa è giusto per il popolo. Ora se il vaccino non è obbligatorio, perchè io governo (eletto da nessuno tra l’altro nella tua bella democrazia) debbo rilasciare il green pass per far entrare le persone nei bar e ristoranti? Se qualcuno non puo farsi il vaccino (caro amico c’è anche chi non puo farlo per motivi di salute/allergie) perchè dovrebbe sottostare a questo ricatto?
    Sono altri che non dovrebbero vivere in comunità, magari qualcuno con privilegi che ha fatto prima di noi il vaccino, o che decide vita morte e miracoli, infischiandosene della costituzione italiana, facendo dpcm o peggio leggi ad personam.
    Io da vaccinato devo ancora portare la mascherina, e se permetti la cosa mi rode, perchè da che mondo e mondo che con i vaccini si è immuni dai virus.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.