Aumentano i ricoveri in reparto, stabili le terapie intensive: i dati Agenas

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Torna ad un aumentare la percentuale di occupazione dei posti letto Covid nei reparti di area medica. È quanto emerge dall’ultimo monitoraggio del 25 luglio effettuato da Agenas, l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali: dopo settimane di calo seguite da stabilità, per la prima volta si registra un incremento dell’1%, a livello nazionale, per quanto riguarda la pressione in reparto da pazienti Covid.

Raggiunge infatti il 3%, quota che resta comunque molto bassa rispetto ai picchi dei mesi passati ma che rispecchia l’aumento dei contagi dei giorni scorsi e lontana dalla soglia di allerta del 40%.

Resta ancora stabile dai primi di luglio, e pari al 2%, il numero di posti letto in terapia intensiva occupato da pazienti Covid. Ma le situazioni cambiano da regione a regione. Si ricordi che proprio le percentuali di saturazione degli ospedali rappresentano il parametro principale per il cambio di colore delle stesse regioni, per cui i singoli dati devono essere monitorati costantemente.

Cominciamo col dire che sono Sardegna e Sicilia le due regioni che vedono la maggiore crescita della percentuale di occupazione di terapie intensive da parte di pazienti Covid, entrambe arrivate al 5% in pochi giorni a fronte di una media nazionale del 2%.

Mentre Calabria, Campania e Sicilia, rispettivamente con il 6%, il 5% e il 7% sono le regioni che hanno una percentuale maggiore di posti letto in reparto occupati da pazienti Covid, a fronte di una media nazionale del 3%. Ma vediamo i numeri nello specifico.

Al momento ci sono 1.392 ricoverati Covid nei reparti di area non critica, afferenti cioè alle specialità di malattie infettive, medicina generale e pneumologia. È quanto è emerso dal bollettino di ieri, domenica 25 luglio. A livello nazionale, la percentuale di occupazione è dunque al 3%, in aumento di un punto percentuale rispetto all’ultima rilevazione.

Siamo comunque su numeri bassi, lontani dalla soglia di allerta del 40%, ma le situazioni variano da regione a regione. Secondo l’ultimo aggiornamento di Agenas, superano questa media in primis la Sicilia, dove si registra un 7% di occupazione dei posti letti in area medica, seguita dalla Calabria (6%), la Campania (5%) e dalla Basilicata (4%). In linea invece con la media nazionale il Lazio, la Puglia e la Sardegna.

Per quanto riguarda le terapie intensive, al momento sono ricoverati 178 pazienti Covid. A livello nazionale la percentuale di occupazione dei posti letto è pari al 2%, quindi stabile rispetto all’aggiornamento precedente e lontano dalla soglia di allarme del 30%. Le regioni che superano la media nazionale al momento sono la Sicilia (5%), la Sardegna (5%), la Calabria (3%), il Lazio (3%), la Toscana (3%).

Si ricordi che secondo i nuovi parametri per stabilire i colori delle Regioni, se i posti occupati in rianimazione superano il 10% e quelli in area medica il 15% si passa in zona gialla; si va in zona arancione rispettivamente con il 20% e il 30%; si va in zona rossa con il 30% e il 40%.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.