Midsummer Holidays, vacanze d’agosto (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dopo Next Generation EU, Recovery Plan, Fit for 55 non poteva mancare l’altro anglicismo da Bruxelles a segnare l’estate europea. Green Pass, il lasciapassare, non è da confondere con Green Card, la carta per quelli che vogliono restare negli Stati Uniti senza peccare di immigrazione clandestina.

Il Green Pass  serve a entrare nei luoghi pubblici al chiuso. In rete l’ambulante napoletano lo vende pezzotto a 20 euro, 30 con QR, 35 in inglese. Accattateve ‘o Grinpass e andrete ovunque senza problemi.

Il nostro Pater Familias di mezzucci napoletani non ne vorrebbe sapere, lui che a Napoli  frequentò l’Università evitando Forcella nel tragitto da Piazza Garibaldi al Rettifilo. In casa sono tutti vaccinati.

La figlia, per festeggiare la maggiore età e la maturità  in DAD, è andata a studiare inglese a Malta. Non in Inghilterra, non per Brexit di cui a scuola non esiste il programma, ma per i tifosi  che se la prendono con gli italiani per la sconfitta. Se poi vengono a sapere che sei della stessa regione di Gigio Donnarumma, la ritorsione scatta di sicuro.

Nell’arcipelago maltese, un grumo di isole per la meglio gioventù dell’Eurozona, la ragazza ammette di avere frequentato compagni risultati positivi al tampone. La mamma sospetta che li abbia frequentati molto da vicino per temere il contagio.  Ricorda il suo viaggio studio dopo la maturità,  per esperienza sa che la figlia ha allenato gli ormoni in subbuglio con varietà di scelta.

A quei tempi si andava alla pari nella verde Irlanda. Là ora si sistemano solo i giovani Hipster delle multinazionali del web per pagare meno imposte. Dublino aveva la festosa abitudine di accoglierti con la pioggia che bagnava il vestitino da mezza estate italiana. Il K-Way, dato per atermico, non ti proteggeva dal venticello che definire fresco era un caso di “under statement”.  E dire che in TV avevi visto Fumo di Londra di Alberto Sordi.

A Malta il tempo è caldo, a tratti torrido grazie al vento libico, l’inglese è contaminato di arabo e italiano, ma hai la scusa, con la famiglia, di spiegare il Caravaggio ai  biondoni bavaresi.

Il Pater Familias  si trova davanti a un dilemma che neppure Amleto. Lasciare la figlia a casa a smaltire la quarantena. Quella sarebbe capace di trasformare l’appartamento in boudoir con erba e alcol liberi. Portarla appresso significa procurarsi un Green Pass d’occasione. Dove trovare l’ambulante napoletano della rete?

Si reca al mercato rionale, vendono solo frutta e verdura. Il nero davanti al bar gli porge il cappello con una mano e i fazzoletti di carta con l’altra. Gli paga 5 euro per una maxi confezione e gli sussurra, con fare complice, se abbia altro da vendere.

Il nero dichiara di essere “a lawyer” nel paese di origine, approdato in Italia a bordo d’un barcone per sfuggire al destino degli avvocati. In Nigeria, precisa ammiccando, le controversie si risolvono in maniera extragiudiziale. Il paese guida orgogliosamente la lista dei più pericolosi al mondo.

Il Pater Familias opta per la vicina Svizzera. Tanti i motivi alla base della decisione. Il paese è una cassaforte. Custodisce i tesori del mondo. Protegge l’incolumità e la privacy delle persone. Roberto Mancini girerebbe indisturbato per Locarno, altro che l’aperitivo con selfie sul corso di Jesi.

Un parente che vive a Lucerna gli ha detto che, a superare i 130 in autostrada e gli 80 al Gottardo, rischi pene inenarrabili e irrogate all’istante, senza profittare delle lungaggini della giustizia italiana. Se tale è la repressione per i reati stradali, figurarsi per quelli contro la persona.

Sceglie di passare per il Sempione, sulle strade di montagna la gente si aiuta naturalmente. E se gli chiedono il Green Pass e scoprono che quello per la figlia è posticcio? Quale la sanzione? Se la dovrebbe cavare con il respingimento. Fosse solo per quello, tenterà il viaggio, da qualche parte bisogna andare d’agosto. Correre il rischio prima che sia troppo tardi.

In autunno, lo annunciano giulive le prefiche al telegiornale, ci imporranno la terza dose per la variante Delta, pena la nuova chiusura. L’alfabeto greco è ricco di consonanti, dal liceo ricorda che dopo Delta viene Gamma. Fino a Sigma  e Tau ce ne vuole.

Ci rivediamo su queste pagine virtuali lunedì 30 agosto.

di Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.