Scoperto a Roma canile lager con oltre 100 cani da caccia, denunciato un salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le Guardie zoofile di “Fare Ambiente” con il supporto di quelle di “Pegasus” hanno proceduto al sequestro di un allevamento abusivo e degli oltre 100 cani da caccia detenuti al suo interno, chiusi in gabbie di ridotte dimensioni, molti con i cuccioli, cucce fatiscenti come bidoni di oli esausti per ripararsi, cibo non adatto e igiene assente.
Il cacciatore, salernitano di 70 anni, a cui la Polizia di Stato aveva già ritirato le armi poco tempo fa, è stato denunciato per il delitto di maltrattamento animale e violazione alle norme in tema di allevamenti in seguito a deposito degli atti redatti con la collaborazione e dei nostri esperti in materia.
L’ennesima realtà che, come altre migliaia sparse su tutto il territorio nazionale, conferma l’assenza di controlli sanitari da parte delle ASL e dei Sindaci, a danno di una seria tutela degli animali e delle leggi dello Stato.
Chiesto alla Procura di Roma la liberazione dei cani ossia la loro collocazione in luoghi idonei; aspetto che ci sta a cuore alla stregua della giusta punizione del denunciato e di cui informeremo presto non appena l’Autorità Giudiziaria esiterà gli atti di Polizia Giudiziaria.
Con la consulenza giuridica e operativa degli esperti di zoo criminalità di “Stop Animal Crimes Italia”, la polizia giudiziaria ha trasmesso gli atti alla Procura di Roma e il cacciatore è stato denunciato per i reati di maltrattamento animali, esercizio abusivo di professione e violazione alle norme sugli impianti adibiti ad allevamento e inquinamento.
La Polizia di Stato, presente all’operazione, poco tempo fa aveva sequestrato le armi al cacciatore, un 70enne di Salerno.
“Realtà come queste sono molto diffuse in tutta la campagna romana e in generale in tutta Italia – spiegano da Stop animal crimes Italia – dove l’assenza di idonei e approfonditi controlli da parte delle Autorità sanitarie ufficiali e spesso le connivenze locali, danno vita a sacche di territori dove la legalità è una chimera e dove milioni di animali (da compagnia o da reddito) sono quotidiane vittime della crudeltà umana, con allevamenti o canili abusivi, stalle dove pecore o vacche vengono macellate abusivamente e altri animali detenuti illegalmente. Auspichiamo nella sensibilità della Magistratura, affinché tali soggetti vengano perseguiti pesantemente, al fine di evitare se la possano cavare col pagamento di sanzioni pecuniarie e riprendere indisturbatamente le attività illecite”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.