Covid, ecco cosa dicono i primi dati sull’efficacia del vaccino Pfizer dopo 6 mesi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Pfizer e BioNTech hanno diffuso i risultati di uno studio preliminare senza ancora una revisione sull’efficacia del loro vaccino anti-Covid a sei mesi dalla somministrazione della seconda dose.

I dati, pubblicati in preprint su medRxiv e non ancora sottoposti a peer-review, indicano che nei sei mesi presi in considerazione sembra mantenersi molta alta (97%) la protezione contro le forme gravi di Covid-19, confermando l’utilità del vaccino nel prevenire i ricoveri e i decessi dovuti alla malattia.

Mentre, nello stesso periodo, in generale, l’efficacia del preparato nel prevenire il contagio sembra passare dal 96% all’84%. Sono i risultati emersi da un test clinico, avviato lo scorso anno e conclusasi nel mese di marzo, condotto su oltre 44mila volontari di sei Paesi.

Dall’analisi è emerso che l’efficacia del vaccino della casa Usa e della tedesca Biontech nel prevenire qualsiasi infezione da Covid-19 che causa anche sintomi minori è sembrata diminuire di una media del 6% ogni due mesi dopo la somministrazione. Nello specifico, sembra rimanere intorno al 96% nel periodo compreso tra una settimana e due mesi dopo la seconda dose, per poi scendere al 90% tra due e quattro mesi dopo la seconda dose, e all’84% nel periodo compreso tra quattro mesi e sei mesi.

Lo studio non ha misurato il tasso di infezioni virali asintomatiche e non fornisce informazioni sulla variante Delta, perché i dati sono riferiti perlopiù a un periodo in cui non era ancora molto diffusa.

Nella giornata di ieri, Pfizer ha diramato anche i risultati delle sperimentazioni sulla terza dose del suo vaccino originale contro la variante Delta. Dagli studi clinici è emerso che un ulteriore richiamo “rafforza la protezione contro la variante Delta”.

I dati “mostrano che una terza dose ha effetti neutralizzanti della variante Delta cinque volte maggiori per coloro fra i 18 e i 55 anni dopo la seconda dose, e 11 volte maggiori per coloro fra i 65 e gli 85 anni”, ha spiegato Pfizer. Le autorità, ha aggiunto, determineranno “se e a chi raccomandare” una eventuale terza dose.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.