Riportare al centro dell’attenzione la tratta ferrovia Cilentana tra Salerno e Maratea

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Inspiegabilmente le forze politiche sia a Roma che in Campania si comportano come se l’alta velocità tra Salerno e la Calabria già esistesse, dimenticando che almeno fino al 2030 la tratta cilentana resterà l’unico collegamento ferroviario di importanza nazionale tra Roma e Reggio Calabria.

INCL quindi ringrazia per il sostegno ricevuto alle proprie istanze dalla Senatrice De Petris di LEU, ma soprattutto ambientalista, che con un ordine del giorno al decreto Sostegni bis, ha riportato all’attenzione pubblica la questione dell’ammodernamento di questo percorso.

Oltre alla messa in sicurezza, i tecnici evidenziano l’importanza di interventi che consentirebbero di mantenere appetibilità e convenienza al transito da parte dei principali vettori ferroviari. I treni veloci, Italo e Frecciarossa, che da alcuni anni collegano il Cilento direttamente con le altre aree del Paese, hanno generato un rilevante incremento dei flussi turistici, con la piena soddisfazione dei vettori, che mirano alla remuneratività dei collegamenti;

Sono urgenti e necessari interventi strutturali e di adeguamento sagome delle gallerie principali. In alcuni tratti, per la presenza di fenomeni franosi, i treni, anche quelli veloci sono obbligati a muoversi a 30 Km/h.

Se si mettesse mano a interventi di poche decine di milioni, molto meno degli oltre 9 miliardi di euro dell’AV SA-RC, sarebbe possibile un aumento della sicurezza della tratta oltre a un aumento della velocità media dei treni.

E diminuirebbe la pressione del traffico stradale su di una rete viaria già insufficiente per gli stessi residenti, del tutto inadeguata a supportare le presenze turistiche. Senza considerare che una sola frana potrebbe spezzare l’Italia in due, con danni economici incalcolabili.

Il Cilento e più in generale l’area compresa tra Paestum e Sapri, fino a Maratea, è una zona di pregio ambientale e culturale, con vari siti Unesco, un Parco Nazionale e un’economia turistica muove ogni anno flussi di circa tre milioni di presenze. Sistemare la nostra ferrovia significa collegare i cilentani, sviluppare il turismo, rendere più veloce il percorso verso la Calabria, diminuire le emissioni di gas serra.

Tutto il Cilento dovrebbe ringraziare la senatrice De Petris per la sensibilità dimostrata verso questi territori. Tutto il Cilento, già inspiegabilmente escluso dall’AV, dovrebbe svegliarsi e chiedere ai propri referenti regionali e nazionali i motivi di questo perdurante ostracismo napoletano e romano verso i nostri territori.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.