In fiamme capannone, paura a Sarno: 3 ore per spegnere le fiamme, danni ingenti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Vasto incendio e tanta paura, ieri sera, a Sarno. Il rogo ha interessato gli oltre 2000 metri quadrati di un capannone destinato alla produzione di bottiglie di plastica, minacciando – come riporta il sito web salernotoday.it – anche una vicina fabbrica. Ci sono volute tre ore per domare le fiamme: impegnati, nelle operazioni di spegnimento, 24 uomini e 11 mezzi dei vigili del fuoco, giunta anche da Salerno e Napoli.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ci stanno uccidendo giorno dopo giorno in questa zona industriale ogni anno puntualmente prende fuoco un qualcosa di dannoso per la salute, basta!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.