Assegno di maternità per donne non lavoratrici: quanto vale e come richiederlo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’assegno di maternità dei Comuni è un’agevolazione che le madri non lavoratrici possono richiedere al proprio Comune di residenza per la nascita di un figlio o per l’adozione o l’affidamento preadottivo di un minore con meno di 6 anni, o 18 in caso di adozioni o affidamenti internazionali

L’assegno spetta anche alle madri lavoratrici, ma solo in alcuni casi: se non hanno diritto all’indennità di maternità dell’Inps o alla retribuzione per il periodo di maternità; se l’importo dell’indennità o della retribuzione è inferiore all’importo dell’assegno (in questo caso la madre lavoratrice ne può richiedere la misura ridotta)

L’agevolazione spetta alle cittadine italiane o comunitarie residenti in Italia al momento del parto o dell’ingresso in famiglia del minore adottato/affidato e, coi medesimi requisiti, anche alle cittadine non comunitarie residenti in Italia in possesso di carta di soggiorno o permesso di soggiorno Ce di lungo periodo

In alcuni casi particolari, se la madre non può richiedere l’assegno, il beneficio può essere richiesto dal padre del bambino, dal genitore della madre, dall’adottante, dall’affidatario preadottivo o dall’affidatario non preadottivo

L’assegno di maternità ha un importo complessivo pari a 1.740 euro se a richiederlo è una madre disoccupata. In caso contrario viene pagato per intero se durante il periodo di maternità non spetta l’indennità dell’Inps

Se l’indennità di maternità dell’Inps oppure la retribuzione sono di importo inferiore rispetto all’importo dell’assegno, lquesto viene pagato per la differenza. A occuparsi del pagamento del beneficio è l’Inps, dopo che il Comune ha verificato l’idoneità della domanda

Il beneficio spetta per ogni figlio e, in caso di parto gemellare o di adozione o affidamento di più minori, l’importo è moltiplicato per il numero dei nati o adottati/affidati

Per presentare la domanda ci si deve rivolgere al proprio Comune di residenza entro sei mesi dalla nascita/adozione/affidamento. Generalmente i Comuni rendono disponibili i modelli di domanda da utilizzare per la richiesta

Alla domanda si deve allegare anche la dichiarazione sostitutiva unica oppure l’attestazione della dichiarazione sostitutiva ancora valida contenente i redditi percepiti dal nucleo familiare di appartenenza nell’anno precedente a quello di presentazione della domanda di assegno

Si deve inoltre presentare un’autocertificazione in cui si dichiarano i requisiti per la concessione dell’assegno, come residenza e cittadinanza, di non avere diritto per il periodo di maternità all’indennità di maternità dell’Inps ovvero alla retribuzione (diversamente, dev’essere indicato l’importo di tali trattamenti economici per il calcolo della eventuale differenza); di non avere già presentato, per il medesimo figlio, domanda per l’assegno di maternità a carico dello Stato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.