Green Pass, Qr code illeggibili e certificati fantasma: gli imprevisti dopo il vaccino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
A una settimana dal debutto del green pass, che dal 6 agosto è diventato obbligatorio per una serie di attività, tra cui sedersi al chiuso in bar e ristoranti, arrivano le prime segnalazioni di malfunzionamenti durante i controlli

Anche possedendo ufficialmente la certificazione verde, non tutti i cittadini riescono a superare le verifiche all’entrata dei ristoranti e dei locali dove è obbligatorio. Gli imprevisti variano da caso a caso. Ecco i più comuni

La app ‘Verifica C19‘, che in generale sta funzionando bene per i controlli, in alcuni episodi ha avuto delle difficoltà nella lettura nei Qr Code stampati su carta, quelli non esibiti attraverso il display del cellulare

In altri casi, i certificati non risultano validi perché non aggiornati. Può succedere a chi ha fatto la vaccinazione eterologa, ovvero la prima dose del vaccino con AstraZeneca e la seconda con un vaccino a mRna (Pfizer o Moderna): hanno ricevuto la certificazione di una sola dose su due e quindi il ciclo vaccinale risulta incompleto

Può rilevare lo stesso problema chi ha completato il ciclo con una sola dose, perché guarito dal Covid e munito di un numero di anticorpi del virus tali da non necessitare la seconda. Alla verifica del certificato potrebbe uscire la scritta “certificazione valida fino alla prossima dose”

Altri problemi con la ricezione del certificato sono stati riscontrati da cittadini che hanno effettuato la seconda dose in una Regione diversa da quella in cui si è ricevuta la prima

Ci sono segnalazioni di cittadini che, a distanza di settimane dalla seconda dose, attendono ancora l’email o l’sms per scaricare il pass. Segnalate lunghe attese anche per ottenere il certificato di guarigione

In questi casi, sul sito www.dgc.gov.it è possibile recuperare in autonomia il codice authcode e poi scaricare il green pass dallo stesso sito con Tessera Sanitaria o dall’app Immuni

Gli esercenti segnalano che ci sono problemi con la lettura dei pass stranieri, specialmente di cittadini al di fuori della Comunità europea. Spesso vengono spesso esibite certificazioni difficili da decifrare

D’altra parte, i cittadini italiani devono far attenzione all’estero: se in Italia il certificato è attivo già dal quindicesimo giorno dopo la prima dose, per spostarsi in Ue è necessario aver completato il ciclo vaccinale

Diverso è il caso dei green pass falsi. Chi viene trovato in un locale pubblico senza la certificazione rischia una multa da 400 a 1.000 euro. Se il green pass è contraffatto o comunque non coincide con il documento di identità si può essere denunciati per falso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. il pass è fallito in partenza, è incostituzionale e va contro i regolamenti europei già recepiti pure in gazzetta ufficiale. NESSUNO puo obbligare a mostrare un pass per accedere a un servizio, sta scritto in gazzetta e nel regolamento UE che è superiore. ANCHE SE FOSSE SOLAMENTE PER SCELTA DI NON VACCINARSI.
    Per non parlare del fatto che non serve a niente, non evita la malattia né la diffusione, hanno detto chiaramente che serve solo come ricatto per far fare i vaccini sperimentali
    Pass morto. punto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.