Covid: colori delle Regioni, ‘colpo di scena’ da lunedì

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In attesa della conferma che arriverà solo con la pubblicazione dei dati del monitoraggio Iss, si profila o meglio si ipotizza un clamoroso colpo di scena per quanto riguarda i colori delle regioni da lunedì 23 agosto. La Sicilia, che sembrava destinata a passare in zona Gialla per i dati sui ricoveri in area medica e in terapia intensiva, potrebbe rimanere in zona Bianca.

Ma come è possibile? I dati della cabina di regia dell’Istituto Superiore di Sanità sarebbero diversi da quelli a disposizione di Agenas, ossia l’agenzia ministeriale che si occupa di monitorare i sistemi sanitari.

In base ai dati Agenas, già nella giornata di martedì la Sicilia aveva raggiunto i parametri per il trasferimento in zona Gialla. Il tasso di occupazione delle terapie intensiva aveva superato la soglia del 10%, mentre il tasso di occupazione dei posti letto in area medica aveva raggiunto il 17% sforando il tetto del 15%.

Ricordiamo che per il passaggio in zona Gialla, oltre all’incidenza, devono essere superiori ai parametri entrambi i dati sui ricoveri, quindi sia il tasso di occupazione di posti letto in area medica che il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva.

In particolare, per il passaggio dalla zona Bianca alla zona Gialla si devono verificare le seguenti condizioni: “l’incidenza settimanale dei contagi deve essere pari o superiore a 50 ogni 100.000 abitanti a condizione che il tasso di occupazione dei posti letto in area medica sia superiore al 15 per cento e il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 sia superiore al 10 per cento”.

In base ai dati che sarebbero in mano alla cabina di regia, la Sicilia sarebbe in bilico ma ancora con numeri che consentirebbero la permanenza in zona Bianca.

Nelle prossime ore si dovranno chiarire due punti: il primo è ovviamente il colore della Regione Sicilia per la prossima settimana, il secondo è il motivo per il quale i dati dell’Istituto Superiore di Sanità siano differenti da quelli forniti da una agenzia ministeriale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.