Covid: la Sicilia passa in giallo. Campania tra le regioni a ‘rischio moderato’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La Sicilia è la prima regione ad abbandonare la zona bianca. L’isola, dopo giorni di incertezza, il 26 agosto ha superato tutti i tre parametri per il passaggio in giallo: l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva è stata del 12,1%, quella in area medica non critica era al 19,4% e l’incidenza a 7 giorni, nella settimana 20-26 agosto, è stata la più alta di tutta Italia con 200,7 casi per 100mila abitanti (dati monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute)Dai dati Agenas del 28 agosto i numeri variano di poco, ma restano comunque oltre le soglie

Per passare in zona gialla, con i nuovi parametri in vigore da luglio, bisogna superare il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva del 10%, oltrepassare il tasso di occupazione dei posti letto in area medica del 15% e aver più di 50 nuovi casi ogni 100mila abitanti

In zona gialla la restrizione più importante, rispetto all’area bianca, è l’uso della mascherina sia al chiuso che all’aperto. Le attività di ristorazione restano aperte senza limiti d’orario ma con un massimo di 4 commensali per tavolo. Nessun coprifuoco e via libera agli spostamenti anche tra regioni di colore diverso. Restano aperti anche teatri, cinema, musei e palestre con le stesse regole della zona bianca

Tutte le altre regioni, almeno per un’altra settimana, restano bianche anche se ci sono alcune eccezioni con dei territori in bilico che sfiorano parametri da area gialla. La più vicina al cambio di colore è la Sardegna che supera l’incidenza ed è precisamente alla soglia per le intensive e i reparti ordinari. La Calabria è al 16% in area medica e ha superato quella dell’incidenza

A livello nazionale, secondo i dati del monitoraggio settimanale dell’Iss-Ministero della Salute del periodo 20-26 agosto, l’incidenza media è a 77 per 100mila abitanti, occupazione in area medica al 7,1% e in terapia intensiva 5,4%. I territori classificati a rischio moderato, oltre la Siciliasono Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Piemonte, Trento, Puglia, e Valle d’Aosta. Undici Regioni sono a rischio basso.

I dati Agenas si riferiscono al periodo 23-28 agosto per l’incidenza, e alle rilevazioni al 28 agosto per la pressione ospedaliera

CAMPANIA – L’incidenza è di 54,73 casi ogni 100.000 abitanti. L’occupazione in terapia intensiva è del 4% e quella in area medica non critica del 9%

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. possono mettere tutti i colori che vogliono la gente si e’ rotta le palle e devono schierare solo l’esercito e tutta la polizia se si dovrebbe fare rispettare un eventuale zona rosa,sono 2 anni che tra vaccini,tamponi e chisure ci scassano le palle e’ ora di finirla,andassero a rompere in un’altra nazione,qui abbiamo gia dato.

  2. Dopo le manifestazioni di Napoli e Salerno( totale 210 persone 😂😂😂), penso che solo gravi motivi economici possa far scendere la gente in piazza.
    In quel caso si scende per il pane, ma non per le tue idee di scoppiatello fascista.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.