Studio su “Nature”: Variante Delta contagia vaccinati e guariti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
La variante Delta del coronavirus è quasi 6 volte meno sensibile agli anticorpi sviluppati dalle persone guarite da Covid-19, e fino a 8 volte meno sensibile agli anticorpi indotti dalla vaccinazione. E’ quanto emerge da uno studio condotto in India e Regno Unito e pubblicato su ‘Nature’, che ha indagato sulle ragioni per cui il mutante di origine indiana è riuscito a diventare prevalente, soppiantando anche la variante Alfa precedentemente dominante. Oltre ad avere una maggiore capacità di sfuggire agli anticorpi anti-Covid, Delta sembra anche più efficace nel penetrare all’interno delle cellule respiratorie e nel replicarsi, una volta entrata.

Fra gli autori principali del lavoro c’è Ravi Gupta, del Cambridge Institute of Therapeutic Immunology and Infectious Disease dell’università di inglese Cambridge. “Combinando test di laboratorio e analisi epidemiologiche – spiega lo scienziato – abbiamo dimostrato che la variante Delta è più capace di replicarsi e diffondersi rispetto ad altri mutanti” del nuovo coronavirus. “Ci sono inoltre evidenze che gli anticorpi neutralizzanti prodotti a seguito di precedenti infezioni” da Sars-CoV-2 “o di vaccinazioni” anti-Covid “sono meno efficaci nel bloccare questa variante”. E’ quindi “probabile che tali fattori abbiano contribuito alla devastante ondata epidemica vissuta in India durante il primo trimestre del 2021, con circa la metà dei casi che ha riguardato persone già infettate prima da altre varianti”.

Per capire quanto la Delta riesca a eludere la risposta immunitaria, i ricercatori hanno utilizzato il siero estratto da campioni di sangue prelevati da persone di una coorte Uk, guarite da Covid-19 o vaccinate con i prodotti di Oxford/AstraZeneca o Pfizer/BioNTech. Hanno così calcolato che la variante Delta, rispetto all’Alfa, risultava appunto 5,7 volte meno sensibile ai sieri di persone precedentemente infettate e fino a 8 volte meno sensibile ai sieri dei vaccinati. In altre parole, per bloccare la ‘versione Delta’ del Covid servirebbe un livello 8 volte superiore di anticorpi indotti dal vaccino. In linea con questa osservazione anche i risultati dell’esame di oltre 100 sanitari contagiati in 3 ospedali di Delhi, quasi tutti vaccinati contro Covid: in questi operatori, Delta si è trasmessa fra gli immunizzati in misura maggiore rispetto ad Alfa.

Usando organoidi tridimensionali delle vie aeree, cioè mini-organi coltivati a partire da cellule di questo tratto, gli scienziati hanno poi studiato che cosa succede quando il virus raggiunge l’apparato respiratorio. Lavorando in condizioni di sicurezza, il team ha usato sia coronavirus vivo sia un virus ‘pseudotipizzato’, ossia una forma sintetica di Sars-CoV-2 che riproduceva le mutazioni chiave della variante Delta. Gli studiosi hanno così scoperto che Delta era più efficiente nel fare il suo ingresso nelle cellule e, una volta entrata, si replicava meglio. Fattori che, insieme alla capacità di eludere le difese immunitarie, avrebbero conferito al mutante un vantaggio evolutivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Quindi i siringati psicopandemici cosa dovranno iniettarsi per sopravvivere al virus l’inculinacomplex.
    Peccato per ora solo effetti collaterali da sperimentazione sierologica mah

  2. x Franco

    I siringati magari la superano senza troppi fastidi, i “furbi” invece crepano con un tubo in gola maledicendo la propria imbecillità mentre soffocano, non che la cosa mi crei problemi ovviamente.

  3. Affermazione ovvia… se avessero immunizzato solo anziani e soggetti a rischio, dispensando 10 mln di dosi, probabilmente ci saremmo liberati di questa psicoinfopandemia
    I risultati di campagne vaccinali massive per questi tipi di virus questi sono: comparsa di varianti su pressione selettiva che aggirano le coperture dei sieri immunizanti, che qualcuno ancora chiama vaccini.
    Il green pass è solo un mero strumento politico, fatto passare per una misura inderogabile di sanità pubbblica, e che rivela la sua inefficacia scientifica risultando solo discriminatorio
    Purtroppo da quanto si legge nei commenti, ci sono ancora teste vuote che danno per certa l’equazione covid terapia intensiva…se ci affida a cure caprine e alla direttiva della vigile attesa, qualsiasi infezione potrebbe condurre alla Ti e morte, il concetto è abbastanza chiaro

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.