Covid, il pericolo Delta incombe in autunno: ora capire quanto dura immunità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Non è finita. “Sono molto preoccupato”, anche perché “si tratta di contagi e morti evitabili”. Così ieri Antony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, è tornato a commentare i rischi che un ritorno alla normalità rappresenterebbe di fronte a “mezza America” ancora non vaccinata.

I numeri sono impietosi, in Usa come in Unione europea. Malgrado in Ue il 65% dei cittadini sia vaccinato, il numero di morti giornaliere è più che doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e in crescita. Torna ad aleggiare lo spettro del lockdown?

 

Racconto di due pandemie
L’arrivo della variante Delta (due volte più trasmissibile e un po’ più letale rispetto alla versione “originale” del virus) sta contribuendo all’insorgere di due diverse “pandemie”. Una tra i vaccinati, tra i quali il virus circola ancora, ma facendo molti meno danni (a parità di contagi, il 95% di decessi in meno). Una seconda pandemia, tra i non vaccinati, ancora più pericolosa e mortale.

Se le pandemie diventano due, è naturale che anche le politiche per affrontarle cambino. In Europa diversi paesi (Italia inclusa) hanno agganciato al “green pass” il godimento di alcuni diritti, tagliando fuori i non vaccinati da una parte di vita sociale. Per alcune categorie professionali (dai lavoratori federali negli Usa al personale medico quasi ovunque) sono stati introdotti obblighi vaccinali. E in Austria il cancelliere Kurz ha persino proposto un lockdown per i soli non vaccinati.

 

Qualcosa è cambiato
Da un punto di vista sanitario, è indubbio che le vaccinazioni stiano riducendo l’impatto della pandemia. Ma lo stanno facendo solo là dove i vaccini sono arrivati: il 75% delle vaccinazioni è stato somministrato in 10 paesi del mondo.

Sul piano economico, inoltre, i paesi più ricchi (ma anche più anziani) non possono più permettersi lockdown generalizzati. Per evitare che la “recessione da lockdown” colpisse troppo le persone, l’anno scorso abbiamo speso 16 trilioni di dollari. Così il debito pubblico è esploso, passando nei paesi avanzati dal 100% al 120% del PIL.

A queste condizioni, è inevitabile che si cerchino misure alternative in vista di un autunno in cui il dubbio più grande sarà un altro: quanto dura l’immunità.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.