Se scompaiono i ghiacciai Venezia andrà sott’acqua. Tutti i rischi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Il surriscaldamento globale preoccupa e non poco la comunità scientifica e non solo, con numeri e scenari sempre più apocalittici che potrebbero portare al caos assoluto nei prossimi anni. Non parliamo dell’immediato, ma di risvolti negativi entro i 50 o 100 anni che potrebbero vedere città sommerse a causa dell’inarrestabile fusione dei ghiacciai e dell’innalzamento del livello del mare.

A ribadirlo, nell’inchiesta pubblicata sul Corriere della Sera, è Milena Gabanelli che ha spiegato quelle che potrebbero essere le conseguenze per l’intera umanità.

Gabanelli infatti spiega: “L’attuale fase di fusione dei ghiacciai è iniziata negli anni ’50, dapprima lentamente e poi con un ritmo sempre più veloce. Fra il 2000 e il 2019, si può stimare una fusione accresciuta del 130%, con una perdita del volume totale dei ghiacciai rilevati del 4%. La maggiore riduzione si è registrata in Alaska (25%), Groenlandia (12%), nelle estremità nord e sud del Canada (10%) e nel territorio dell’Hindu Kush Himalaya (8%)”.

Secondo uno studio pubblicato su “Nature Communications Earth and Environment”, in Groenlandia si è raggiunto “il punto di non ritorno” nel quale la neve accumulata non riesce più a compensare la quantità di ghiaccio sciolto e anche se il riscaldamento climatico si riuscisse ad arrestare la calotta glaciale continuerebbe a sciogliersi. Negli ultimi 20 anni lo spessore si è ridotto di circa 50 centimetri all’anno.

Surriscaldamento globale e innalzamento mare, i rischi per Venezia

Nell’inchiesta presentata su Dataroom, tra le pagine del Corriere della Sera, Milena Gabanelli ha spiegato che anche le Alpi stanno soffrendo a causa del surriscaldamento globale, con i ghiacciai presenti che si stanno sciogliendo a una velocità doppia rispetto alla media mondiale col 17% del volume perso negli ultimi 14 anni.

Lì, secondo quanto riferito dalla giornalista, le temperature rispetto all’epoca preindustriale sono aumentate di due gradi. Tutto ciò ha avuto un impatto significativo nei fiumi e nei laghi della pianura padana che hanno subito numerosi periodi di secca.

“Se consideriamo gli scenari più catastrofici, ovvero in assenza di consistenti misure di adattamento — spiega Daniele Bocchiola, docente di Idrologia e Costruzioni Idrauliche al Politecnico di Milano — ci sarà un forte ritiro dei ghiacciai dalle Alpi entro il 2050. Per allora si troverà ghiaccio solo oltre a quote molto elevate. Verosimilmente oltre i 3mila metri”.

Stando al parere degli esperti, rimanendo così la situazione, entro il 2100 gli oceani subiranno un innalzamento compreso tra i 30 cm e il metro mettendo a rischio metropoli e litorali in tutto il mondo. Si parla di territori in cui oggi vivono circa 115 milioni di persone e le proiezioni dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, il principale organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici, sottolineano che entro quella data città come Venezia e Giacarta rischiano seriamente di finire sott’acqua. Ma già entro il 2050, senza provvedimenti drastici contro il pericolo di inondazioni città come New York, Tokyo, Shanghai, Miami, Rotterdam e Città del Capo potrebbero subire danni irreparabili.

Fonte: IlSussidiario.net

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. se mio nonno teneva tre pallle era un flipper. Quando la finiranno i giornali e tv di seguire gli ordini inviati da Gates e il suo cartello di miliardari che vogliono zero co2? zero co2 vuol dire morte per le piante, tutte, perchè non avrebbero nutrimento, e quindi pure riduzione della popolazione mondiale che guarda caso è uno dei suoi malsani obbiettivi. Pure dicendo che “zero co2” si riferisce alle sole emissioni umane nonavrebbe alcun senso, perchè la co2 NON è un inquinante!
    Al contrario, le tonnellate di batterie e sistemi elettronici che continuano a produrre e incentivare sono la maggiore fonte di inquinamento VERO. La co2 se la mangiano le piante con estremo piacere, il piombo, il mercurio, il litio etc, no!
    Intanto adesso vorrebbero far cambiare tutti i televisori anche se perfettamente funzionanti, a breve, perchè le frequenze sono state cedute alla rete 5g.. e guarda caso a ottobre avviene il primo passsaggio, proprio quando vorrebbero imporre a tutti il vaccino che aprirebbe le porte al “transumanesimo”: l’uomo-computer con interfaccia elettronica gestibile dalla rete wifi…

    TUTTO questo è scritto in documenti scientifici (cfr. gli stessi Colao e Cingolani, attuali ministri) e pubbliche conferenze scientifiche.. Ovviamente gli effetti avversi di questi campi EM saranno, come fatto fino ad ora, attribuiti a una “variante immaginaria”…
    In attesa del compimento dell’altro programma di Gates: ID2020, identità digitale per ogni uomo. Un chip che identifica l’uomo e lo interfaccia con un PC e un sistema di controllo che leggerà attività biologica e darà un compenso in moneta virtuale direttamente sul chip..
    TUTTO scientifico, brevetti e studi pubblici fatti da anni..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.