Nuovo appello dei genitori di Arianna a De Luca: «Ha bisogno di cure»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
«È giunto il momento di tirare le fila di quelle trattative che lei stesso, nel corso dell’ultimo incontro tenutosi durante la campagna elettorale che l’ha vista confermato quale Presidente, aveva interrotto in attesa che venisse depositato questo elaborato». È l’appello che Mario Cicchetti, legale della famiglia Manzo, ha rivolto al governatore Vincenzo De Luca in merito alla vicenda di Arianna, la “bimba di legno” di Cava de’ Tirreni, vittima di un presunto caso di malasanità. Nata sana, all’età di tre mesi fu sottoposta ad ricovero che le avrebbe provocato danni irreversibili, rendendola sorda, ipovedente e tetraplegica.

In primo grado, dopo una lunga battaglia giudiziaria, la seconda sezione Civile del Tribunale di Salerno ha condannato il Cardarelli a pagare un risarcimento di 3 milioni di euro alla famiglia. Sentenza impugnata dall’azienda ospedaliera napoletana e per la quale è in corso il secondo grado di giudizio.

Lo scorso 14 settembre il collegio peritale cui la Corte di Appello di Salerno ha conferito l’incarico di riesaminare il caso della piccola Arianna Manzo, la bimba di 15 anni vittima, quando aveva appena 3 mesi, di un presunto grave caso di malasanità che la rese sorda, ipovedente e tetraplegica, «è pervenuto alle medesime conclusioni alle quali era giunto quello nominato in primo grado» nel corso del processo che vide condannato a un risarcimento da tre milioni di euro una azienda ospedaliera partenopea».

È quanto fa sapere l’avvocato Mario Cicchetti, legale di Eugenio Manzo e Matilde Memoli, i genitori della piccola vittima, che oggi lancia un nuovo appello al presidente della Regione. Un eventuale risarcimento, infatti, secondo il legale della famiglia è indispensabile a garantire ad Arianna «quell’assistenza continuativa, attraverso personale altamente specializzato nell’arco delle ventiquattrore, che i genitori, ormai, non sono più in grado di assicurarle, oltre che (finalmente) una casa priva di tutte quelle insormontabili barriere architettoniche che non le consentono di soddisfare neanche i più semplici bisogni quotidiani».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. … fai la carogna quanto vuoi, ma stavolta mettiti una mano sul cuore… sempre ammesso che tu sappia cosa sia!

  2. Lasciate stare Papino, il Grande Bluff
    Sono stati anni difficili per lui e per i suoi figlioletti….
    Figurati se può pensare ai problemi degli altri…..

  3. Piena solidarietà alla famiglia di questa ragazzina ma purtroppo il vigliacco pensa solo alla poltrona e a riempire di chiacchiere il populino che ancora crede in lui… mi dispiace veramente tanto per la famiglia non oso neppure lontanamente pensare cosa stanno soffrendo da anni

  4. Infame cazzaro,che ti venisse un canchero e possa morire di stenti indicibili,insieme alla tua pletora di servi collusi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.