Salernitana, punto di ripartenza: all’Arechi termina 2-2 con il Verona

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
21
Stampa

Doveva vincere la Salernitana ma soprattutto non doveva perdere. E la sconfitta stava per arrivare con una prima mezz’ora del Verona che poteva mettere in ginocchio chiunque con una doppietta di un redivivo Kalinic. Ma i granata a differenza delle altre volte non mollano e dopo alcune occasioni a fine tempo con Gondo rientrano nel match.

Ad inizio ripresa sempre Kalinic centra il palo. I granata si mettono testa sotto e ripartono. Entra Djuric per Simy e Bonazzoli per Gondo e dopo alcune mischie in area gialloblu, M. Coulibaly trova il pari meritato. I campani cercano la vittoria ma Ribery esce esausto. Ci prova nel finale il Verona su punizione ma è traversa. Nel recupero, assedio sterile dei padroni di casa ma arriva il primo punto di questa stagione in serie A.

Nella partita valida per la 5° giornata di Serie A, la Salernitana ospita il Verona. I granata sono reduci dalla sconfitta interna con l’Atalanta, mentre la squadra di Tudor arriva a Salerno dopo i tre gol rifilati alla Roma.

Confermare l’undici che ha ben figurato con l’Atalanta o apportare qualche modifica per gestire al meglio le risorse fisiche? È questo il dilemma della vigilia di mister Castori che, col Verona, dovrà fare risultato per evitare di precipitare troppo nel baratro ed evitare un possibile esonero. Tutto ruota intorno a Ribery: il fuoriclasse francese ha 45 minuti nelle gambe, e sarà impiegato dall’inizio per l’assalto alla porta scaligera.

In ogni caso sarà 3-4-1-2, con la riconferma di Lassana e Mamadou Coulibaly, Ranieri riconfermato a sinistra al posto di Jaroszynski e il ballottaggio Gondo-Bonazzoli in avanti con il primo che partirà dall’inizio. La novità sarà rappresentata da Simy in attacco al posto di Djuric. Stringe i denti Gagliolo e scende in campo regolarmente ma spera nell’esordio in corso d’opera l’ex bianconero Kastanos.

Tudor non stravolge del tutto il primo schieramento della sua gestione. Una variazione riguarda il reparto arretrato: Ceccherini, apparso in difficoltà domenica sera, cede il posto a Magnani, che chiude il terzetto insieme a Dawidowicz e Gunter. Faraoni e Lazovic non sono in discussione, in cabina di comando ecco Hongla. Non sono previste grosse variazioni sul tema nemmeno in attacco: Barak farà da trait d’union, alle spalle del tandem Caprari-Kalinic con l’ex viola al posto di Simeone.

LA PARTITA

Pubblico delle grandi occasioni all’Arechi nonostante il turno infrasettimanale e l’orario delle 18.30 per un Salernitana-Verona sempre sentitissimo dalle due tifoserie. Dal Veneto circa 150 tifosi scaligeri. Parte forte il Verona, Kalinic al sesto buca Belec in area piccola. Ancora l’ex viola con Caprari sfiora il raddoppio. Simy di testa prova a suonare la carica, nulla di fatto. Sempre l’ex attaccante Crotone ci prova altre due volte, una di testa, poi con un destro che termina addosso ad un difensore scaligero. Al 20’ Ribery inventa per Gagliolo, sfera alta. Alla mezz’ora ancora Kalinic in ripartenza con un pallonetto sigla il 2-0. Lo stesso attaccante protagonista anche in negativo beccandosi un cartellino giallo quasi inutile. La Salernitana ci prova a testa bassa ma senza lucidità. Anche Ribery oggi sembra sottotono. Ma nel recupero Gondo riapre la contesa dopo una punizione in area proprio di Ribery.

SECONDO TEMPO

Doppia sostituzione per il Verona: entrano Tameze e Casale escono Ilic e Magnani. Subito ospiti pericolosi con Kalinic che sfonda in area di rigore e di potenza centra l’incrocio dei pali. Ribery al 10’ smarca Kechrida, il tunisino non centra il gol. Esce Kalinic, entra Simeone. Castori inserisce Djuric per Simy. Simeone e Lazovic confezionano un bel contropiede non sfruttato. Tudor rileva Caprari al suo posto Bessa.

Dopo un azione tambureggiante, Ranieri prova un tiro cross che Djuric non riesce a spingere in rete. Esce Gondo ed entra Bonazzoli nei granata. Un cross basso di Gagliolo in area trova Coulibaly che piazza il 2-2. Ora è bolgia all’Arechi che sogna il sorpasso. Faraoni prova a far male, Belec c’è. Ammonito Lassana e punizione scaligera al limite con Barak che centra l’incrocio. Esce uno stanco Ribery e Ranieri, dentro Kastanos e Di Tacchio. Zortea rileva Kechrida. Ma non ci sono più situazioni da una parte e l’altra, termina 2-2 a Salerno. Primo punto campano.

TABELLINO

SALERNITANA (3-4-1-2): Belec; Gyombér, Strandberg, Gagliolo; Kechrida, M. Coulibaly, L. Coulibaly (44′ st Kastanos), Ranieri (44′ st Di Tacchio); Ribéry (44′ st Kastanos); Gondo (27′ st Bonazzoli), Simy (12′ st Djuric). A disposizione: Fiorillo, Bogdan, Jaroszynski, Veseli, Obi, Schiavone, Vergani. Allenatore: Castori.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Montipò; Dawidowicz, Magnani (1′ st Casale), Gunter; Faraoni, Hongla, Ilic (1′ st Ilic), Lazovic (45′ st Cetin); Barak, Caprari (21′ st Bessa); Kalinic (11′ st Simeone). A disposizione: Berardi, Pandur, Ceccherini, Ragusa, Cancellieri, Lasagna. Allenatore: Tudor.

ARBITRO: Irrati di Pistoia – assistenti: Liberti e Yoshikawa. IV uomo: Santoro – Var: Ghersini/Avar: Imperiale

RETI: 7′ pt, 30′ pt Kalinic (V), 46′ pt Gondo (S), 31′ st M. Coulibaly (S)

NOTE. Ammoniti: Castori dalla panchina per proteste. Ammoniti: Kalinic (V), Magnani (V), Gagliolo (S), L. Coulibaly (S), Dawidowicz (V). Angoli: 4-5. Recupero: 1′ pt – 5′ st

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

21 COMMENTI

  1. Pareggio trovato a terra, però va a compensare il punto perso nella partita scorsa, lotito devi vendere prima di subito

  2. Ribery è veramente forte… Mi ha meravigliato anche Gondo… peccato per i gol subiti perché abbiamo giocato un bel primo tempo, forse meglio del secondo… Strandberg ha fatto un po’ schifo…
    Bene i 2 Coulibaly…

  3. Bisogna fare qualcosa, la difesa balla maledettamente non è assolutamente all’altezza.
    Benissimo Gondo meno male che l’abbiamo preso è l’unico che corre in attacco. Con questa squadra e soprattutto con questo modulo non abbiamo speranze, non possiamo giocare con tre difensori secondo me, non c’è qualità i nessun reparto, Ribery a parte ovviamente. Ci vorrebbe un miracolo per salvarsi. Spero in una nuova proprietà ambiziosa. Forza Granata

  4. Forte in difesa, veloce a centrocampo e mobile in attacco. Morale: 14 gol incassati, 4 fatti, un punto in 5 partite di cui tre giocate in casa. Una domanda: ma chi retroced?

  5. Vittoria gettata alle ortiche dal Verona. In due partite 1 punto. E meno male che c’è nonno ribery

  6. Servirebbero solo 2 rinforzi per competere sul serio, entrambi possibili con svincolati: se non avessimo la rosa piena di sfravecatura basterebbe un Viola (o Ramirez anche se forse è più un fantasista) e magari N’Kolou (che almeno la A l’ha fatta ed è un vero calciatore). I gol di oggi raccapriccianti e comunque sempre lanci a scavalcare il centrocampo, così le partite non si vincono mai. Gondo è un miracolo, gioca quasi meglio in A che in B, peccato Simy sia completamente fuori forma e sembra già un pesce fuor d’acqua. Ribery si sapeva già, ma da solo non basta.

  7. Ma che partita hai visto Gerardo, prima mezz’ora inguardabile, difesa in forte affanno, meglio il secondo tempo

  8. Può essere che a terra si possa trovare un cervello…forse il suo.
    Il pareggio va stretto alla Salernitana che ha subito 2 gol con tre azione ma ha giocato x tutta la partita all’attacco.
    Forse lei ha sbagliato canale!
    Forza Salernitana Sempre….tiè tiè

  9. Invece ho visto una Salernitana arrembante che ha messo in difficoltà il Verona che non considero diretta concorrente.
    La voglia , la determinazione , la caparbietà dei giocatori granata hanno portato al pareggio meritatissimo e spaventato il Verona che sul 2 a 2 ha avuto paura di perdere togliendo due attaccanti x due centrocampisti.
    Il primo gol subito ha visto la mancanza di cattiveria che poi dopo c’è stata con falli necessari sulla trequarti.
    La Salernitana ha sempre dominato la partita e contrariamente allo stile Castori è stata sempre all’attacco ovviamente rischiando qualche ripartenza.
    I pali? Siamo ancora in debito!
    Torino ….0 a 0 palo della Salernitana e avrebbe cambiato la partita
    Atalanta…0 a 0 palo granata e il gol avrebbe cambiato la partita.
    Certo…. resta la realtà ma anche tanta ma tanta fiducia!
    I tifosi veri possono commentare il mio pensiero e non essere d’accordi ma i gufi no…per piacere no! Grazie!

  10. davanti puoi anche far gol, ma dietro (compreso il portiere) sono da spavento. Le motivazioni le conosciamo tutti, il ‘regalo’ ce lo hanno preparato bene….e vogliono pure essere ringraziati! inutile tornarci sopra. Tecnicamente una società valida e nel pieno delle proprie facoltà economiche e mentali, con tre pedine mette a posto tutto, già a dicembre. E qui vengono le dolenti note…spero che al peggio venga posta la parola FINE: perchè i segnali che vedo non incoraggiano a pensare positivo, anzi…mi aspetto qualche altra capriola, con l’ennesimo coniglietto off-shore che esce dal cilindro…spero vivamente di sbagliarmi. Ma il mondo del calcio è in mano a questi avvoltoi, per cui sono autorizzato a pensare male (purtroppo!)

  11. non giocare allo sfascio, aiutare lo staff tecnico per evitare imbarcate lunari…e vigilare! I tifosi sani, le autorità tutte, devono pretendere che nel giro di un mese accadano cose SERIE…VERE….e non volteggi da festival della magia!

  12. Gol trovati per puro caso e per rimpalli, sono talmente scarsi che a vedere la partita viene da piangere.
    Castori una vergogna di allenatore. Avete anche il barbaro coraggio di gioire per il pareggio casalingo contro il Verona? contro quali squadre dobbiamo vincere per conquistare punti salvezza, contro l’acquapozzillo?

  13. Purtroppo la coperta è corta. Se proteggi la difesa non fai un tiro. Se provi un minimo a giocare, la difesa va in bambola. La verità è che la rosa non è adeguata e bisognerebbe trovarne tre peggiori. Speriamo nella cessione e nel mercato di gennaio…

  14. Molti gufi appaiono all’orizzonte dopo la beffa dell’anno scorso con galleggiamento e freno mano.
    Tra i gufi che involontariamente appoggiano i nemici c’è da stare sereni….siete come il Ceis che sbaglia i pronostici!
    Forza Salernitana

  15. Guardate che il Verona ha rifilato tre gol alla Roma e che ha messo in campo giocatori di un certo livello.
    Non è squadra concorrente alla retrocessione eppure nel secondo tempo si è difesa con affanno la Salernitana c’è!
    Anche così si può salvare al netto dei nemici che pensano di divertirsi ma è troppo grande la gioia di vedere la Salernitana in A… forza Salernitana Sempre

  16. E già comincia la iacovella che se si fa un minimo di critica si diventa gufo:Allora o sit vui ca sit sciem, o simm 300 e noi gufi. PENSO PIÙ LA PRIMA

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.