Covid, luminari Gb: in primavera potrà essere banale raffreddore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Covid-19 potrebbe ridursi a una sindrome influenzale comune dalla primavera prossima, con i sintomi di un banale “raffreddore” nella generalità dei casi, grazie al rafforzamento dell’immunità garantita fra l’altro dalla diffusione dei vaccini e all’evoluzione del virus.

Se ne sono detti convinti due luminari dell’Università di Oxford protagonisti nei mesi passati dello sviluppo del vaccino poi prodotto da AstraZeneca, la britannica Sarah Gilbert e il canadese John Bell, dichiarandosi entrambi ottimisti sull’andamento della pandemia nel Regno Unito ed escludendo che – dopo gli ultimi scossoni attesi quest’inverno – ci siano ragioni per pensare che l’infezione sia destinata a mutare in forma più virulenta.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.