De Luca attacca il M5S: «Ininfluenti, lunedì c’erano più dirigenti che voti». Bordate anche al Pd

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Vincenzo De Luca prova a mettere cappello sulla vittoria di Gaetano Manfredi a Napoli e a intestarsi il lancio di un percorso riformista per i giallorossi. Sparando ad alzo zero sia sul Pd sia sul M5S. Durissimo con entrambi, De Luca è partito dai numeri per affermare che i primi sono avvezzi a «dire idiozie» e i secondi sono irrilevanti. In questo vuoto pneumatico, va da sé, lui sarebbe il motore che ha dato forma alla vittoria napoletana.

I numeri che smontano gli entusiasmi del Pd
Analizzando il voto nell’ambito del festival “Lezioni di storia”, il governatore della Campania ha detto che «giusto per ricordare i numeri, siccome qualche esponente del Pd che è abituato a dire idiozie non ha perso l’abitudine e dice che Napoli è la città più di sinistra d’Italia, a Napoli il Pd è il 12,2%.

Se aggiungiamo il 9% delle Cinque Stelle siamo al 22-23%, questo è». De Luca, quindi, ha rincarato la dose: «La sinistra qui è il 22%, per arrivare al 62% manca un po’ più di qualcosa. Manca tutto un fronte moderato, civico, che rappresenta la gran parte del voto sul candidato sindaco che è risultato vincente».

La bordata di De Luca al M5s
A Napoli, ha proseguito, «è stata scelta la linea della Regione, cioè partire da quella che era la coalizione regionale, aggiungendo i 5 Stelle, che non sono determinanti né qui, né meno che mai in Italia». Insomma, De Luca si vuole intestare il merito del risultato di Manfredi. Ma non sembra che sia disposto a fermarsi lì.

Dopo aver detto, infatti, che sono irrilevanti e che a commentare i risultati del voto «lunedì sera a Napoli avevamo più dirigenti dei 5 stelle che voti dei 5 stelle», il governatore campano si è lanciato in un elogio del cambiamento dei pentastellati a livello nazionale, auspicando la nascita di «una forza riformista» di «respiro europeo».

«È importante che siano cambiati e che siano impegnati in un percorso di evoluzione», lodando in particolare Roberto Fico e Luigi Di Maio, ma liquidando malamente Giuseppe Conte la cui visita a Napoli lunedì sera come «una conferma dell’attrattività turistica che ha la Campania».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Dichiarazioni un po’ irresponsabili e (sorprendentemente) non molto avvedute, a mio avviso, primo perché mettono in pericolo la stessa maggioranza apparentemente sostenuta da lui fino a ieri, secondo perché fanno supporre che da oggi sarà possibile interferire con bordate varie nelle scelte del sindaco, trattato indirettamente a mo’ di pupazzo eletto grazie a non si sa che modello Campania (?) riferibile direttamente al Governatore. Di fatto, però, se si tolgono i voti del 5s e quelli del solito, vituperato PD, Manfredi non sarebbe stato eletto proprio: quindi, non si capisce chi sarebbe stato l’artefice finale di questa vittoria, almeno stando alla banale matematica: i “moderati civici” da soli non andavano da nessuna parte. Quindi, era necessario per forza di cose: 1. avere la forza trainante dei simboli del PD e/o del 5s (che hanno come conseguenza quello di valorizzare le liste minori alleate), 2. avere un candidato decente che i “moderati civici” non so se si sarebbero mai trovati (e chi li votava da soli?). Per me il ragionamento non è sostenibile né usando i soli numeri, né privandolo dei numeri, sono abbastanza deluso da questa uscita infelice.

  2. Campania schiava di un dittatore , un male operante ed un povero illuso che pensa di essere il miglior politico criticando tutti . Intanto i cagnolini lecca c… hanno votato per lui anche a Salerno . E poi parlate , vi deve far sprofondare sempre di più

  3. E se non sono determinanti i cinque stelle a livello nazionale con chi ti vuoi alleare ? Con la meloni?

  4. ma come è il presidente adesso loda di maio, da quanto lo voleva sotterrare con un confronto politico, misteri della politica.

  5. Bordate al PD? Ma di quale partito fa parte il Governatore? Ed il figlio Piero, di quale partito fa parte? Bah, è possibile che sempre gli altri siano i peggiori???

  6. …. il delirio è sempre incombente‼️ Non sa stare senza dire le solite cavolate e lui è sempre il migliore ‼️ Bisogna avere pazienza, è anziano e non va contraddetto, potrebbe essere messo a repentaglio dalle sue stesse affermazioni demenziale. Comunque, la natura farà il suo corso

  7. Gli illuminati che non vanno a votare favoriscono sempre il più forte.
    Il più forte inutile negarcelo è sempre lui e se va a votare lui, la sua famiglia, i dipendenti delle partecipate e basta in tutto un migliaio di persone, vince lui.
    Quando votavo de Luca votavo per il meno peggio e perché pensavo bene del PD.
    Ma ora penso che se si presentasse una forza antagonista, che mettesse al primo posto il lavoro, il bene comune, la manutenzione come ricchezza del territorio,
    sarei felicissimo di votarla.
    Il PD e soci governano sia che perdono, sia che vincono perché ormai sono inchiavardati nel potere e sfruttano la debolezza degli altri.

  8. Non capisco: sia lui che il 5s hanno avuto successo attaccando il PD. Loro ci si sono alleati, lui teoricamente sarebbe del PD. Adesso c’è un problema del tipo “e chi lo attacca il partito mo?”. È un problema di copyright?

    Poi di che modello Campania parla? Io giro la Campania ed è messa molto male: qua a Salerno non arriva mai manco mezza notizia su come è messa la Circumvesuviana, l’informazione si concentra su cose ultralocali tipo il crescent, ma ci sono cose su cui non si possono dire palle. È mai arrivata la notizia di una cretinata epocale come la pista ciclabile del Vesuvio che il governatore ha firmato col beneplacito del comune di San Giuseppe (guarda caso) che ha eliminato per sempre una infrastruttura ferroviaria tranquillamente riutilizzabile per scopi assai più produttivi? A Salerno qualcuno ha mai sentito nominare Casillo?

    Allora, non c’è in verità nessun modello, il modello è astratto, non c’è una visione, si naviga assolutamente a vista, ‘ndo cojo, cojo, possibilmente senza i 5s. E così vogliono tirare a campare.

  9. Condivido il messaggio di Bucowsky. Anche io un tempo contribuì all’ascesa di De Luca votandolo. Era la cosa giusta da fare. Ora lo detesto. È inutile però attaccare indignati il suo potere, perché il potere tende a conservare sé stesso. Il dramma e la colpa grave è che a Salerno, a Napoli e in Campania non si vede all’orizzonte l’ombra di un’alternativa.

  10. L’alternativa secondo me a Salerno non si può creare: è palesemente chiaro che dopo tutti questi anni quasi ogni cosa è in qualche modo legata a quelli che ci sono adesso, la città è piccola, con poca gente tutta legata agli stessi fili. A Napoli il discorso è diverso, aver contribuito all’elezione del sindaco non vuol dire aver conquistato il potere come è avvenuto nel caso di Salerno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.