Bufera giudiziaria al Comune di Salerno, si complica la formazione della nuova giunta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa

Rischiano di allungarsi ulteriormente i tempi per la composizione della nuova giunta del Comune di Salerno a più di una settimana dalla conclusione dell’ultima tornata elettorale che ha sancito la rielezione a sindaco di Vincenzo Napoli. Ma proprio l’iscrizione del primo cittadino nel registro degli indagati nell’inchiesta che ha prodotto una vera e propria bufera giudiziaria a Palazzo di Città, rischia di rendere ancora più complicata la composizione del puzzle degli assessori. Al di là dell’assegnazione della delega alle Politiche Sociali, l’assessorato ricoperto nella precedente giunta dall’arrestato Nino Savastano, per la quale resta in pole position Dario Loffredo, il più votato nelle urne, il vero nodo riguarda l’individuazione della figura del vice sindaco, che alla luce dell’inchiesta giudiziaria, finirà per avere un ruolo ancora più significativo. Prendere pertanto copro l’ipotesi che alla fine Napoli possa scegliere per la sua nuova squadra un esponente politico di maggiore esperienza come Mimmo De Maio, sebbene l’ex assessore all’Urbanistica non abbia avuto il consenso che ci si aspettava dalle ultime elezioni.

 

Non soltanto esprime «piena fiducia nell’azione della magistratura». Enzo Napoli si dice «sereno» nell’attesa degli esiti dell’inchiesta che lo vede coinvolto insieme ad altre 28 persone. L’augurio del neo rieletto primo cittadino di Salerno è che si faccia «rapidamente piena luce sui fatti contestati». Ma per quanto rapidamente gli inquirenti possano procedere, lui non potrà certo aspettare i tempi della giustizia per varare la giunta. A una settimana dall’elezione e a quattro giorni dalla proclamazione ufficiale della sua rielezione a sindaco, quanto ancora Napoli può rimandare la nomina degli assessori? È chiaro, però, che l’indagine in corso e gli arresti messi a segno dalle forze dell’ordine non potranno non avere ripercussioni sulla composizione della squadra di governo. A iniziare dalla nomina del vicesindaco.

I NODI

Quello del suo vice era già, per il primo cittadino, uno dei nodi da superare. Volendo assegnarla in base all’affermazione elettorale, la carica sarebbe spettata a Dario Loffredo o, nel caso il sindaco avesse voluto operare una scelta facendo valere il principio della rappresentanza di genere, a Paky Memoli. Entrambe le ipotesi, però, sembrerebbero perdere vigore. Con Napoli che compare nella lista degli indagati, è chiaro che il ruolo di vicesindaco assume un significato diverso. Non si tratta solo di un ruolo di rappresentanza ma, di fatto, di un incarico la cui valenza potrebbe dipendere proprio dal progredire dell’inchiesta. Dunque non è escluso che, almeno in una prima fase resa più delicata dal piombare sul Comune di Salerno della bufera sulle cooperative, Napoli voglia affidarsi a una persona di più lunga esperienza amministrativa nonché storicamente fedelissima sua e del suo predecessore Vincenzo De Luca. Dunque, è possibile che il ruolo possa rimanere nelle mani del vicesindaco uscente, l’uomo che finora ha avuto nelle mani la trasformazione urbanistica della città: l’assessore all’Urbanistica Mimmo De Maio. Del resto, questo fu il ragionamento che prevalse quando De Luca, ancora sindaco, rischiava la decadenza per l’incompatibilità con il ruolo di viceministro: arruolò il suo capostaff Napoli nella giunta e lo fece vicesindaco. E quando arrivò alla presidenza della Regione Campania, con in testa la spada di Damocle della legge Severino, nominò suo vice il fedelissimo Fulvio Bonavitacola. L’altra grana per il sindaco Napoli è, manco a dirlo, l’assessorato alle Politiche sociali. Stando alle indiscrezioni, per la poltrona appartenuta a Nino Savastano c’è in pole position Loffredo, malgrado Paola De Roberto, che pure è destinata a entrare in giunta, sia la presidente uscente della commissione Politiche sociali. Dopo l’accaduto, però, non è escluso che siano gli stessi consiglieri a volersi sfilare da una poltrona in questo momento decisamente scomoda. Ma scomoda, visti i temi al centro dell’indagine, appare anche la delega all’Ambiente finora appartenuta ad Angelo Caramanno. Delega rispetto alla quale da palazzo di città, nei giorni scorsi, non è trapelata nessuna indiscrezione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Azz…invece di rinnovare tutto…. mettiamo sempre gli stessi? A qst punto cari sindaco, mi sa che darebbe meglio che si dimetta.

  2. Altro che giunta, questo consiglio, uscito dalle urne nei modi che stanno venendo alla luce, deve essere sciolto immediatamente e occorre procedere al commissariamento immediato del comune!!!! Salerno non può essere ancora affidata a chi ne ha fatto di cotte e di crude, da quanto sta emergendo!!!

  3. Non lo si se commissariano il comune mi pare un po’ difficile certo è che una città così non può andare avanti Servizi che non funzionano manutenzione che manca, trasporti inefficienti piani urbanistici che prevedono costruzione di enormi palazzoni senza servizi, e così via

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.