Voto inquinato a Salerno, Francese in tv: “Riconoscenza da chi è stato aiutato”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa

“Se queste persone vengono aiutate è chiaro che mi aspetto una riconoscenza, un aiuto”. Sono queste alcune parole pronunciate da Alessandra Francese, candidata al consiglio con i Progressisti e prima dei non eletti, che è stata fermata – come riporta oggi il quotidiano “Le Cronache” scaricabile online – dall’inviato della trasmissione di La7  di Massimo  Giletti, che ha fornito un’anticipazione, ieri sera, della prossima puntata di “Non è L’Arena”. Sotto i riflettori ci sarà la seconda parte dell’inchiesta, quella che coinvolge Gianluca Izzo e Umberto Coscia, dipendenti della cooperativa San Matteo, agli arresti domiciliari dopo lo scandalo dell’audio di whatsapp diffuso la mattina del 3 ottobre, a poche ore dall’apertura dei seggi elettorali.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. L’aiuto è una cosa il posto di lavoro dalla sera alla mattina ne è un altro. Inoltre gentile Signora le farei presente che il lavoro dato a queste persone è in cooperative finanziate dal Comune di Salerno con soldi pubblici ( nostri) ragion per cui NUN DIC STRUNZAT

  2. ma anche no. La riconoscenza non significa dover votare per forza la persona a cui si deve gratitudine.

  3. Finanziamenti pubblici e non privati…. questo la dice lunga sul suo diritto alla riconoscenza. Si è sempre saputo che le cooperative inizialmente preposte al reinserimento delle persone disagiate sono divenute nel tempo un ottimo serbatoio di voti. Almeno il sig. Zoccola ha avuto il buon gusto di non candidarsi e di non far candidare i suoi congiunti.

  4. Vorrei ricordare alla signorina che questa riconoscenza di cui parla, si chiama voto di scambio ed è un REATO. Capisco che a Salerno ognuno fà quello che vuole perchè purtoppo accade di tutto da noi, ma c’è un limite a tutto. Ci stiamo stancando.

  5. Questa non è riconoscenza ma sudditanza. Devozione guadagnata con posti di lavoro in cooperative finanziate con i soldi del Comune di Salerno.

  6. La signora ha platealmente ammesso il voto di scambio. Più confessione di questa… e per di più pubblica. Una vera peracottara…

  7. Ma parli.pure ti devi solo vergognare tu e il tuo maritino ,volevi portare il buon vivere al comune di Salerno ,fortunatamente hanno trovato il.modo per farti fuori, perché tutti abbiamo visto qual è il tuo buon vivere che schifo

  8. Questa signora non manifesta più neanche la minima vergogna nell’agire e nell’esprimersi. A costei tutto deve essere concesso. L’etica, ammesso che ella ne conosca il significato, non è un valore, ma un fastidio. Si vede che ha studiato con Cetto Laqualunque:Tu mi voti, ti trovo un lavoro e ti sistemo, tu non mi voti NTO CULU A TIA E A TUTTA A FAMIGGHIA!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.