Tramonti: violenza su bimba di 10 anni. Giudici condannano la famiglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Quattordici anni di carcere per il padre, 10 per la madre, 7 per il fratellastro, mentre la moglie di quest’ultimo, anche lei imputata, è stata assolta.  Si era chiuso così, ad aprile scorso,  il processo che ha coinvolto una intera famiglia di Tramonti, in Costiera Amalfitana, provincia di Salerno, per abusi nei confronti della figlia piccola, che oggi ha 10 anni.

Nei racconti la piccola «ha dimostrato l’incuria e la promiscuità dei genitori, che la esponevano e coinvolgevano in situazioni di corruzione della sfera sessuale. Ha dato conto dell’indifferenza manifestata da entrambi rispetto alla cura e all’igiene della sua persona e della deprecabile situazione di abbandono morale e materiale in cui ella cresceva, senza essere destinataria delle più comuni e basilari regole dell’educazione e della tutela dell’infanzia».

Così i giudici motivano la condanna di aprile scorso. La storia sarebbe cominciata 5 anni fa, quando la piccola aveva appena 5 anni. La vicenda, estremamente delicata, era emersa nel 2017, in seguito alla denuncia di una vicina di casa con cui la bambina si era confidata. Gli investigatori, nel corso delle indagini, hanno scoperto un contesto di forte degrado ambientale e sociale. Era risultato che la piccola non veniva nutrita adeguatamente, veniva picchiata e che era costretta a badare alla sorellina minore.

Ascoltata durante un incidente probatorio, la bambina aveva raccontato quello che accadeva tra le mura domestiche nei rapporti con gli imputati, parlando quindi delle molestie e degli abusi; la difesa aveva sottolineato delle contraddizioni nel racconto della piccola, sostenendo che fosse stata in parte suggestionata. Alla sbarra erano finiti i genitori, il fratellastro e la moglie di quest’ultimo, tutti originari di Nocera Inferiore (Salerno), accusati a vario titolo di violenze fisiche, anche sessuali, e psicologiche; la Procura aveva chiesto complessivamente 45 anni di carcere: 18 anni per il padre, 10 per la madre, 8 per il fratellastro e 9 mesi per la compagna.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.