Tramonti: violenza su una bimba di 10 anni, decisiva testimonianza baby sitter

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sul caso increscioso di Tramonti, relativo alle violenze sulla bambina di 10 anni a cui è conseguita la condanna per il padre, la madre e il fratellastro, rispettivamente a 14, 10 e 7 anni di carcere, sono state pubblicate le motivazioni dell’ultima sentenza del processo. Il padre e il fratellastro sono stati condannati per violenza sessuale mentre la madre non avrebbe fatto nulla per fermare le violenze. I giudici, nelle motivazioni alla condanna, affermano che la bambina nel suo racconto “ha dimostrato l’incuria e la promiscuità dei genitori, che la esponevano e coinvolgevano in situazioni di corruzione della sfera sessuale.” Lo scrive il quotidiano Il Mattino.

La piccola, continuano i giudici, “ha dato conto dell’indifferenza manifestata da entrambi rispetto alla cura e all’igiene della sua persona e della deprecabile situazione di abbandono morale e materiale in cui ella cresceva, senza essere destinataria delle più comuni e basilari regole dell’educazione e della tutela dell’infanzia”. Un’inchiesta nata per caso, nel 2016, condotta dai Carabinieri di Tramonti, spinti a indagare su quanto accadeva in quella casa, specie ad una delle due figlie minori della coppia. A parere dei giudici, “tutto il materiale probatorio fornisce riscontro alle dichiarazioni rese dalla minore in sede di incidente probatorio”.

La relazione dei consulenti ha individuato, nel suo racconto, “attitudine a testimoniare sotto il profilo intellettivo ed affettivo, con credibilità clinica, maturità che non inficia la capacità di comprensione. Il basso livello intellettivo, presumibile esito di incuria, maltrattamenti fisici psicologici ed emozionali, non ha alterato la sua capacità di comprensione”.

L’inchiesta raccontava di un forte degrado familiare, nel quale sarebbero maturate violenze sessuali e fisiche sulla piccola, per diversi anni, da parte del padre e del fratellastro, con la madre che non le avrebbe impedite. “Mediante l’utilizzo di alcune bambole – si legge – ha mostrato la posizione che lei e il padre assumevano”.

Decisiva, tra le tante, la testimonianza della baby sitter, dal cui racconto emerse che il padre della vittima toccava al figlia mentre dormiva, che la stessa girava nuda in casa, solo con intimo, o con una sigaretta in mano fuori ad un balcone, con segni su parti del corpo. La madre, invece, le confidò di svolgere prestazioni a pagamento con altri uomini “perché il marito non forniva abbastanza soldi per andare avanti”.

La minore avrebbe assistito ad alcuni di quei rapporti. La stessa casa era frequentata da altri uomini. Tra i testimoni c’erano anche i figli dell’uomo avuti con un’altra donna, che hanno raccontato di violenze subite da loro stessi e di essere stati usati come corrieri della droga. Le difese sono invece pronte a ricorrere in Appello.

ll Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.