Colantuono: “Tre punti vitali ma è solo una tappa. Avanti con questa testa”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Nella sala stampa del “Penzo” il tecnico dei granata Stefano Colantuono esamina in modo lucido ed allo stesso tempo critico la vittoria strappata dalla sua Salernitana a Venezia nell’ultimo minuto di recupero. Spegne i facili entusiasmi ricordando che questa “è soltanto piccola tappa che non risolto i problemi che ci sono su cui bisognerà ancora lavorare”.

Nonostante Colantuono faccia il pompiere, il tecnico elogia lo spirito di sacrificio profuso dai suoi ragazzi: “Oggi abbiamo confermato i segnali di ripresa che si erano visti già nel secondo tempo della partita contro l’Empoli. Mi è piaciuto molto l’atteggiamento della squadra. Peccato essere andati subito sotto alla prima occasione del Venezia ma i ragazzi questa volta non hanno perso la testa. Nella ripresa poi siamo riusciti a recuperarla e, come speravamo, a ribaltarla”.

Il tecnico granata entra nel dettaglio dell’analisi tattica del match: “Ce la siamo giocata. Siamo venuti qui con l’atteggiamento giusto ed avevamo studiato le caratteristiche dell’avversario. Abbiamo fatto la gara che una squadra che vuole portare via dei punti doveva fare”.

Cosa bisogna migliorare? “Dobbiamo imparare a capitalizzare le occasioni che creiamo: anche nel primo tempo avevamo avuto la possibilità di pareggiarla subito ma non ci siamo riusciti. Sono comunque 3 punti che accorciano fortemente la classifica. Sappiamo che il nostro ruolo sarà quello di soffrire fino alla fine con un gruppetto di squadre che farà altrettanto. Non dimentichiamo che abbiamo moltissime defezioni ma faccio i complimenti a chi è sceso in campo che ha dato l’anima. Sono contento per Schiavone che ha giocato e segnato”.

Il mister chiama a raccolta i tifosi e chiede unità di intenti: “Se noi vogliamo raggiungere l’obbiettivo non possiamo prescindere dall’aiuto della nostra gente. Noi da questo punto di vista abbiamo qualcosa in più rispetto a tante altre compagini del campionato. I tifosi possono darci una grande mano e potranno fare molto spesso la differenza. Dobbiamo conquistarceli sempre con lo sforzo ed il massimo impegno ogni domenica”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Voglio ringraziare i tifosi che sono andati a Venezia a sostenere la squadra e ringrazio ancora i tifosi che hanno sostenuto anche e soprattutto sul 0-4 contro l’Empoli.
    I veri tifosi sostengono la squadra sempre, specialmente se viene dimostrato attaccamento alla maglia e spirito di sacrificio, a prescindere dalla categoria e dalla posizione in classifica.
    Proviamo a salvarci, nonostante i vari problemi che affliggono la società, nel caso di insuccesso tiferemo sempre comunque solo per LEI.
    Forza SalernitanAAAAAAA

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.