Influenza, allarme Ecdc: quest’anno possibili gravi conseguenze. Il piano per contrastarla

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Rilevamenti precoci del virus “sono un’indicazione che la prossima stagione influenzale potrebbe essere grave, anche se ancora non possiamo saperlo con certezza”. Lo ha detto Pasi Penttinen, capo del programma antinfluenzale dell’Ecdc, in una nota del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Ecco le indicazioni date dall’agenzia dell’Ue e il piano per contrastare l’influenza in Italia

“Un forte aumento delle infezioni influenzali durante l’attuale pandemia di Covid potrebbe avere gravi conseguenze per gli anziani e le persone con un sistema immunitario debole, con un onere aggiuntivo sui sistemi sanitari già messi a dura prova. E’ quindi importante prendere le precauzioni necessarie e proteggere chi è più a rischio”, avverte l’Ecdc

In questa fase, raccomanda l’Ecdc, è importante la vaccinazione ma vanno mantenute anche le misure non farmaceutiche, come mascherine e distanziamento. Il crollo dei contagi da influenza nel 2020-21, inferiori di oltre il 99% rispetto alla norma, “indica – si legge in una nota dell’Agenzia Ue – che gli interventi non farmaceutici, come evitare l’affollamento non necessario e il mantenimento delle misure igieniche, sono efficaci non solo nel frenare la diffusione della SARS-CoV-2, ma anche dell’influenza”

“Coloro che lavorano in un ambiente sanitario o in una casa di cura – prosegue la nota – dovrebbero assicurarsi di essere vaccinati sia contro SARS-CoV-2 che contro l’influenza prima dei mesi invernali”

In Italia, a parte i due casi di influenza identificati al Nord in due bambini, per il momento i medici di famiglia segnalano solo sindromi stagionali (laringo-tracheiti, virus intestinali). “Per l’influenza vera e propria ancora è presto ma non va sottovalutata perché le infezioni da Covid cominciano ad essere in aumento e certo non è il caso di aggiungerci pure ricoveri per l’influenza. Non fare il vaccino antinfluenzale è davvero un rischio non calcolato”, dice Pier Luigi Bartoletti, vice segretario nazionale Federazione nazionale medici Medicina generale

“Dobbiamo anche tenere conto che mentre lo scorso inverno buona parte dei lavoratori era in smart working e gli studenti in dad, quest’anno c’è molta più gente in circolazione – spiega ancora il vice segretario nazionale della Fimmg – e anche se con mascherina possono incontrare il virus influenzale. La diffusione è facile. Ma soprattutto non bisogna pensare che la pandemia sia finita, non è così e bisogna proteggersi”

In questa stagione sono attesi “dai 4 ai 6 milioni di casi di influenza vera, più le forme simil influenzali dei tanti virus meno invasivi, con in più il Covid”. Lo ha detto a SkyTG24, Fabrizio Pregliasco, virologo della Statale di Milano, sottolineando che “l’influenza è un problema sottovalutato, ma anche lei fa male. Nelle annate normali ha fatto registrare dai 6mila ai 10mila morti per le complicazioni”

Si tratta, spiega Pregliasco, di virus H3N2 “che per fortuna sono simili a quelli previsti nella composizione dei vaccini. In questo senso – sottolinea – abbiamo il conforto che la vaccinazione antinfluenzale potrà essere sicuramente efficace”.  Secondo il virologo “è necessario riprendere l’abitudine della vaccinazione antinfluenzale” e “confido in un’ampia diffusione anche tra gli adulti sani”, per evitare di confondere Covid ed influenza “che è il problema di questo inverno”

Il vaccino antinfluenzale “forse è più importante quest’anno che l’anno scorso. L’anno scorso avevamo infatti tante misure di restrizione, l’obbligo di mascherine anche all’aperto e un accesso limitato ai locali chiusi. Quest’anno non c’è, quindi il virus influenzale ha più possibilità di trasmettersi”. Lo ha sottolineato Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, su Cusano Italia Tv

Intanto, dal nord a sud della Penisola, sono diverse le regioni che hanno già dato il via alla campagna vaccinale nei medici di famiglia. In Lombardia è attivo anche un portale per il tracciamento delle vaccinazioni. Ed anche le farmacie sono impegnate nell’immunizzazione contro l’influenza e contro il Covid, anche con la terza dose, che già si può prenotare

Dal 27 ottobre, inoltre, è partito sulla piattaforma dell’Istituto superiore di Sanità (Iss) il corso per i farmacisti vaccinatori, circa 25mila in tutta Italia. Federfarma spiega che i professionisti che hanno già seguito i due corsi per vaccinare contro il Covid in farmacia, seguiranno ora un breve corso sul vaccino contro l’influenza: la composizione, gli eventuali effetti avversi, la proliferazione dei ceppi

Subito dopo l’accordo sarà recepito dalle regioni e i dati saranno trasferiti sull’anagrafe vaccinale. Nei giorni successivi gli aventi diritto, cioè persone dai 60 anni in poi e fragili, potranno ricevere gratuitamente il vaccino contro l’influenza in farmacia. Gli altri potranno acquistarlo e decidere se ricevere l’inoculazione in farmacia pagando 6,60 euro oltre al prezzo del farmaco o andare dal medico di base. Al momento solo Basilicata, Friuli e la Provincia di Bolzano non hanno raggiunto un accordo con i farmacisti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.