Baronissi, restaurati i dipinti murali nella chiesa S. Maria delle Grazie a Caprecano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dopo un lungo e accurato restauro sono stati restituiti alla comunità di Caprecano, a Baronissi, i pregevoli dipinti murali ubicati nella chiesa di Santa Maria delle Grazie. I quattro dipinti murali realizzati a tempera risalgono all’inizio del XX secolo ed erano in pessime condizioni: la chiesa, è bene ricordarlo, fu quasi completamente distrutta dal terremoto dell’80 e solo successivamente restaurata e riaperta al culto.

Nonostante ciò è ora possibile ammirare il pregevole dipinto raffinato, sicuramente opera di un importante autore, che rappresenta un elemento di spicco del patrimonio artistico della città e un tassello importante della sua storia.

Nei quattro riquadri vicini all’altare sono raffigurati S. Elia in viaggio nel deserto, l’Ascensione di Gesù, il miracolo di S.Elia che resuscita il figlio della vedova di Serepta e l’entrata di Gesù a Gerusalemme. Le restauratrici sono state Gerardina Tozza e Maria Capone con l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza di Salerno ed Avellino. L’intervento di restauro ha previsto, in una prima fase, la rimozione dei depositi superficiali di varia natura e parte delle ridipinture, in quanto vi erano solo tracce della pittura originale. Le stuccature sono state realizzate con malta con granulometria idonea e reintegrate con tecnica riconoscibile mediante applicazione per stesure successive di colori ad acquerello, per ricostituire il tessuto cromatico e di riduzione dell’interferenza visiva.

“Le opere d’arte custodite nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Caprecano sono state aggredite dall’incuria del tempo – spiega il sindaco Gianfranco Valiante – il parroco don Salvatore e la comunità tutta hanno contribuito a recuperare un pezzo di storia che merita di essere custodito e tramandato. E’ stato un lavoro di recupero complesso e delicato che ha consentito di riportare all’antico splendore questi dipinti murari di grande pregio artistico”.

Le opere, che ritornano a impreziosire la chiesa di Caprecano, saranno benedette nel corso di una celebrazione in programma il 7 novembre, officiata dall’arcivescovo monsignor Andrea Bellandi e dal parroco don Salvatore Di Mauro.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.