Il trionfo della stupidità (di Giuseppe Fauceglia)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Ho avuto modo di divertirmi leggendo un libro di Bertrand Russel, dal titolo “Il trionfo della stupidità. Saggi americani 1931-1935”, pubblicato qualche tempo fa in Italia dal PMLibri, e che raccoglie gli scritti del filosofo sul “New York American”.

Non intendo  affatto valorizzare in questa mia riflessione il termine “stupidità” (sia pure utilizzato nella sua valenza anglosassone), quanto il “trionfo”, cui aggiungerei la specificazione “della “inutilità” o “del pericolo”.

Non riesco a comprendere, infatti, quali siano state le ragioni vere che hanno indotto la precedente amministrazione comunale (che poi altro non sarebbe, senza soluzione di continuità, se non l’antecedente temporale dell’attuale) ad organizzare quella splendida iniziativa culturale denominata “Le Luci di artista”.

E’ noto ai salernitani che a dicembre e nelle festività di Natale la città è invasa da migliaia di turisti, la stragrande maggioranza dotata di bagaglio a mano con panino e coca-cola, niente affatto interessata a visitare i  musei e le chiese, e men che mai a “spendere” in compere varie, se non impegnando qualche spicciolo per una tazza di caffè.

Amministratori attenti alla salvaguardia della salute pubblica, piuttosto che alla propaganda, avrebbero dovuto tenere in debito conto che con l’approssimarsi della stagione invernale vi è il serio pericolo di un incremento dei contagi da Covid19 (solo mercoledì scorso erano 106 i nuovi positivi in provincia di Salerno).

Naturalmente, non si ignora il “poderoso” dispositivo di sicurezza che il Comune ha predisposto: controllo del Green pass dei visitatori che raggiungono la città con bus turistici (e quelli che vengono in treno, in bus di linea o in auto ???), la conferma del senso unico pedonale e il conta-persone alla Villa comunale (dove di solito si colloca il “Giardino c.d. incantato”). Il tutto affidato ad una delle società tra le “più conosciute” nella gestione della sicurezza, la “Omnia service engineering” di Solofra.

Ora, se pensiamo che neppure i ristoranti controllano, con rigidità e costanza, il Green pass dei propri clienti (nel migliore dei casi, qualche decina), come si può pensare che migliaia di persone possano essere “controllate” dalla ben esperta società solofrana o da chi sarà abilitato a tanto ?? Cosa faranno i solerti controllori di fronte a no-vax che non mostreranno il Green pass o a chi si rifiuterà semplicemente di mostrarlo ???

Useranno lo stesso lancia-fiamme minacciato dal Governatore ?? chiameranno le forze speciali americane ??? interverrà l’esercito con i bersaglieri ??? Ai posteri l’ardua sentenza !! per ora possiamo, purtroppo, solo immaginare a gennaio e febbraio un incremento degli effetti pandemici in tutta la città e in provincia.

Sarà evidente che amministratori poco avveduti hanno preferito l’invasione para-turistica alla  frequenza scolastica in presenza (del resto, meno i cittadini apprendono, più sono propensi ad accettare con gioia le “stupidità” !!), posto che l’innalzamento prevedibile dei contagi potrà portare dapprima alla zona gialla e poi alla zona rossa (secondo noti studi statistici e medici) . E speriamo davvero che non sia così !!!

Ora molti osservatori disattenti ascrivono a “Le Luci di artista” il successo “delle umani sorti e progressive” della nostra Città. Invero, a fronte della insolente propaganda anche di alcuni dei mezzi di informazione (ben noti a Salerno per la loro acuta indipendenza), dovremmo cominciare a riflettere sulle seguenti circostanze: a) il rilancio della città si deve alla giunta del Sindaco Vincenzo Giordano, che per prima delineò un progetto di Salerno differente dal passato; b) gli indubbi ed indiscutibili successi delle amministrazioni De Luca (così definibili come il periodo della Guerra dei Trent’anni ovvero un lunghissimo arco temporale senza interruzioni sostanziali) non sono, però, un’esclusiva di Salerno, posto che gran parte delle città italiane hanno avuto l’accortezza di utilizzare fondi pubblici per migliorare il loro assetto urbanistico. Non vorrei, allora, che il provincialismo sconfini davvero nella “stupidità”.

Giuseppe Fauceglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Purtroppo il degrado morale, l’incompetenza, l’improvvisazione e la voglia di potere, imperversa ed ha imperversato nella nostra martoriata Salerno.
    Ci sono tanti produttori di fumo con la manovella ma di fatti concreti nemmeno l’ombra.
    Salerno in mano a questi farabutti è come una barchetta in un mare in tempesta.
    Confidiamo nella magistratura.
    Vada avanti a carrarmato e ci liberi……

  2. Caro Prof., lei è fortunato a esprimere liberamente le sue opinioni su questo giornale, anche quando esse sono sgradite al pensiero unico che impera su queste terre.
    Che l’uomo agisca da stupido è cosa accertata, descritta e commentata da saggisti e studiosi. Le motivazioni che spingono a fare Luci d’Artista nel contesto pandemico, non sono diverse da quelle di sfilare ammassati per manifestare contro dittature sanitarie, riempire gli stadi per partite o concerti, le discoteche perchè il divertimento deve continuare, e via dicendo. Ciò perchè prevale il concetto che nella vita non esistono obiettivi da raggiungere, non esiste un senso al vivere, non esistono priorità, vale solo il voler stare bene e voler quindi raggiungere questo stato (temporaneo) di benessere con qualsiasi mezzo, compreso stupefacenti, e a qualsiasi prezzo, compreso quello di ammazzarsi. Tutto ciò che attiene alla razionalità, quindi è bene tenerlo a mente, ha perso ogni senso tranne che per pochi emarginati ostinati homo sapiens.

  3. Egregio professore, sono perfettamente d’accordo con lei sull’inopportunità di aprire alle luci d’artista in un periodo in cui il covid è ancora più insidioso, per generale rilassamento (comprensibile) e disinvoltura nei controlli. Difficilissimo, in una città affollata, sarà controllare stupidità (mi faccia mutuare la parola) e maleducazione, con previsione inevitabile di un aumento dei contagi. Ma che ne dice se cominciassimo a preoccuparci delle realtà più ristrette? Lei accenna all’importanza della frequenza scolastica in presenza ed io la penso come lei, ma ha fatto mai un giro per il Campus della nostra Università? La stragrande maggioranza degli studenti elude i varchi controllati e circola senza mascherina (nelle aule è determinante la mentalità del docente). Che ne dice di fare una bella denuncia al riguardo? Mettere ordine in casa propria è un buon biglietto da visita per chi giustamente lo pretende anche nella propria città e nel proprio Paese. Cordialmente.

  4. Anche mio figlio mi dice che al campus di Fisciano entra ed esce chi vuole, senza nessun controllo
    Nelle aule non ci sono gli scambiatori d’aria e le finestre sono puntualmente sbarrate.
    Posti per fermarsi a studiare sono stati ridotti, a causa delle misure di distanziamento, e gli studenti vagano alla ricerca disperata di dove fermarsi.
    Ma prima di aprire, un po’ di organizzazione…con tutto il tempo avuto …nooo!??

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.