Carcere di Salerno: misteriosa missione di due agenti americani entrati nel penitenziario

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’Italygate non è stata solo la traccia complottista seguita dal Pentagono sotto la direzione di Trump: per andare a caccia di responsabilità nel nostro Paese sul presunto inquinamento del voto americano. Lo scrive PoliziaPenitenziaria.it che riporta un articolo di La Repubblica

Tra molte singolari teorie, emerge ora una violazione concreta ai danni di Roma: due americani, presumibilmente addetti militari dell’ambasciata, entrarono dieci me si fa in un carcere italiano e provarono a interrogare uno dei due esperti informatici campani, detenuto con l’ipotesi di aver sferrato un cyber attacco ai sistemi del colosso pubblico della Difesa, la Leonardo, con sede a Pomigliano d’Arco, nel napoletano.

Repubblica è in grado di ricostruire quella anomala “trasferta” grazie a una testimonianza. Con quali autorizzazioni, attraverso quali coperture è stato possibile questo ingresso in un penitenziario?
Un fascicolo stato aperto dalla Procura di Napoli guidata da Gianni Melillo e poi gira to ad altri uffici per competenza.

La vicenda è sotto esame anche del procuratore di Roma, Michele Prestipino. A quanto pare, infatti, quest’ultimo frammento di spy story interseca un’inchiesta madre incardinata a Piazzale Clodio su reati tributari e di spionaggio industriale, ipotesi che rivelerebbero anche condiziona menti di carattere internazionale.

Era il 19 gennaio 2021, qualche settimana dopo l’assalto di Capitol Hill, quando nel carcere di Fuorni, a Salerno, si presentarono una deputata ex M5s, Sara Cunial, con un avvocato del bresciano «e due cittadini presumibilmente americani».

A confermarlo a Repubblica è l’avvocato Nicola Naponiello, difensore di Arturo D’Elia, il 39enne brillante tecnico che era stato arrestato, un mese prima, nel dicembre 2020, dai pm Onorati e Cozza, con l’aggiunto Piscitelli.

L’accusa: aver spiato le divisioni Aerostrutture e Velivoli, aver copiato con un virus trojan ben 10 giga di dati, qualcosa come 100mila file. «Questa vicenda è rimasta riservata, ma io l’ho segnata alla magistratura a suo tempo – spiega Naponiello – Il mio assistito rimase molto colpito dalla circostanza che in carcere, quel giorno di gennaio, durante la visita della deputata Cunial in carcere, si avvicinarono a lui due stranieri, che erano nel gruppo e lui percepì fossero americani, che gli rivolsero domande singolari».

È un pezzo di verità che coincide con il sospetto o contenuto nel libro “Betrayal”, del giornalista americano Jonathan Karl, e anticipato ieri su queste pagine.
Quanto era al corrente, di tutto questo, il governo Conte, all’epoca ancora formalmente in sella?
Nessun commento dall’ex premier, ma fonti a lui vicine liquidano seccamente la questione: Mai saputo nulla. Zero, Anche l’Ai si ignorava totalmente la vicenda.

Il motivo formale di quella visita a Fuorni, che non a caso non impensieriva il carcere, era comune a tante altre incursioni, che la legge prevede, da parte dei parlamentari: accertare le condizioni dei detenuti.

In realtà, era ad uno solo di loro che il gruppo sembrò puntare subito. L’argomento delle domande verte va dunque sulle presidenziali?
«lo non ero presente ovviamente, Fatto sta prosegue ancora l’avvocato di D’Elia-che il mio assistito chiese l’intervento della polizia penitenziaria. Ho scritto tutto e riferito al pm.
Non sappiamo altro, ma il mio assistito si preoccupò per la sua incolumità. Ne parlai anche con i vertici del carcere di Fuorni, mi fu detto che una cosa del genere non sarebbe mai più accaduta».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.