Covid, lockdown per non vaccinati in Italia? Chi è pro e chi è contro il modello Austria

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Non è allo studio nessuna stretta sul modello austriaco per i non vaccinati“. Lo affermano fonti qualificate di governo, interpellate dopo le prese di posizione di alcuni presidenti di Regione che si sono espressi a favore delle restrizioni soltanto per coloro i quali hanno deciso di non immunizzarsi. Non tutti i governatori sono dello stesso parere, il dibattito è aperto

Sempre fonti di governo sottolineano che i dati del contagio in Italia non sono paragonabili a quelli dell’Austria, che la situazione nelle terapie intensive ad oggi è sotto controllo e che continua il monitoraggio dei dati, con una valutazione prevista a dicembre, ma non si vuole fare alcun tipo di allarmismo

Matteo Salvini condivide la linea e la posizione del governo: l’Italia non ha i numeri (ben più preoccupanti) dell’Austria, il sistema sanitario regge. L’obiettivo è evitare nuove restrizioni, fermo restando la massima attenzione per la tutela della salute. Lo fanno sapere fonti della Lega

Eppure, nonostante la contrarietà di Salvini, la proposta del lockdown sul modello Austria era partita dal presidente leghista della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, con il suo Friuli Venezia Giulia verso il ‘giallo’: “La mia idea – ha osservato – è che le restrizioni della zona gialla non valgono per i vaccinati. Chi si è protetto, ha partecipato alla campagna vaccinale, limita le ospedalizzazioni, salvaguarda il sistema di sanità pubblica non può pagare un prezzo di cui non ha nessuna colpa, perché ha creduto nella scienza e nello Stato”

Concorda il governatore della Liguria, Giovanni Toti. “Chiederemo al governo – fa sapere – che le misure restrittive legate alle fasce di colore valgano per le persone che non hanno fatto il vaccino, non per le persone che lo hanno correttamente fatto”

Anche per il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, “se si dovessero rendere necessarie nuove restrizioni – e il vero gradone è rappresentato a mio avviso dalla cosiddetta zona arancione – queste dovrebbero coinvolgere esclusivamente coloro che non si sono vaccinati

Analoga la posizione di Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte: “Chi si è vaccinato ha dato prova di fiducia nelle istituzioni e io credo che questa fiducia debba essere ripagata”

A un lockdown solo per i non vaccinati come in Austria, “dal punto di vista dell’opportunità” il governatore della Lombardia Attilio Fontana direbbe sì, ma “dal punto di vista della tensione sociale mi lascerebbe un po’ perplesso”

Scettico il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, secondo cui il modello austriaco “credo che da noi sarebbe di difficile applicazione dal punto di vista costituzionale. E a me piacerebbe pensare a noi stessi come a una comunità, non riempirci di divieti”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.