Cava, ospedale a rischio ridimensionamento: protesta con finti cadaveri e striscioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Protesta shock dell’Uroboro, associazione che opera sul territorio cavese nell’ambito socio culturale. Ieri mattina infatti nei pressi dell’ospedale – come riporta oggi il quotidiano “Le Cronache” scaricabile online – sono comparsi cadaveri finti a terra, coperti da lenzuola sporche di sangue e uno striscione che recitava “Non siamo arrivati in tempo al Ruggi”. “Cava de’ Tirreni è la prima città della provincia di Salerno per numero di abitanti dopo il capoluogo – dichiara in una nota Gennaro Portofino, portavoce dell’associazione -, e non può avere un presidio ospedaliero, il Santa Maria dell’Olmo, con servizi ed operatività ridotti ai minimi termini”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Quelli che tagliano i posti letto negli ospedali e in altri casi li chiudono sono gli stessi che vogliono salvarvi la vita col vaccino!

  2. Questo è il neoliberismo signori/e, in nome della spending review dalle speculazioni di Soros nel ’92 ad oggi è tutto voluto perché si devono creare crisi ad arte (e metterci anche gestioni genocide di sprechi, consulenze, tagli) per mandare in crisi i Stati sovrani a livello di debito, spingendoli alla bancarotta e al contempo si tolgono le risorse alla povera gente per dare ai super ricconi di sto mondo. Infatti non a caso diminuiscono la popolazione mondiale e al contempo a chi campa si danno sempre meno risorse, a livello ospedaliero in questa provincia si sta facendo ‘na pessima fine: siccome esiste in Costituzione il pareggio di bilancio (maledetto Monti!!) se s’investe in un campo devi togliere in un altro, infatti si sta investendo in Covid (poco e spesso male) e si sta togliendo in servizi essenziali (poco alla volta ma in modo che la gente, quella che non dà attenzione a quello che succede attorno ed è ormai la maggior parte della popolazione, non se ne accorga) e ahimè il pareggio di bilancio non è andato in vacanza col Covid. De Luca con gli ospedali sta pensando solo a quello nuovo di Salerno da costruire e quando finirà di costruirlo siccome sarà super moderno e all’avanguardia, l’attuale Ruggi sarà da demolirlo e quando si capiranno i costi di queste due complesse operazioni lì arriverà il bello e temo proprio che nella peggior delle ipotesi ci sia la chiusura di tutti i piccoli presidi che non sono DEA 1°livello e quelli ospedali (Nocera ad esempio) non potranno essere DEA 1°livello e si ridurranno alle urgenze e tutta l’attività di Salerno, della Costiera, dei Picentini e dell’Irno oltre a quelle DEA sarà confluita solo al nuovo ospedale di Salerno

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.