Lavoratori coop, altri licenziamenti: 23 i dipendenti mandati a casa, nuova protesta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Sono in totale 23 le lettere di licenziamento che hanno raggiunto i dipendenti delle cooperative sociali – come riporta oggi il quotidiano “Le Cronache” scaricabile online – dopo l’inchiesta della procura di Salerno sui presunti appalti truccati. Di questi, nove appartengono alla cooperativa Eolo, sette a Lavoro Vero e sette a San Matteo. Nel frattempo, dopo settimane di protesta sotto la sede di Palazzo di Città, le organizzazioni sindacali attendono ancora la convocazione del prefetto per avviare il tavolo prefettizio per la procedura di raffreddamento. Dopo diverse settimane, dei pagamenti ancora non sembrano esservi traccia e ieri mattina il segretario della Fiadel Salerno, Angelo Risposti ha accompagnato i lavoratori in una nuova protesta sotto i vertici di Palazzo di Città.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Piena solidarietà ai lavoratori……
    Che la magistratura faccia il suo corso, vada avanti a carrarmato e ci liberi……
    Purtroppo il problema non è risolvibile da parte del Comune di Salerno.
    Non è assolutamente possibile stabilizzare i lavoratori delle cooperative, non solo perché già siamo al dissesto finanziario, ma principalmente perché sarebbe un’ingiustizia nei confronti di tanti lavoratori, di altri settori lavorativi, che hanno perso il lavoro, hanno usufruito delle tutele sociali ed ora sono in mezzo ad una strada.
    Purtroppo negli anni il Sistema Salerno ha costruito questo mondo di favoritismi, di irregolarità, di ingiustizie e sotterfugi ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
    Gli appelli, di cittadini seri ed onesti, che chiedevano di dare una sterzata al degrado amministrativo, sono rimasti inascoltati.
    Bisognava cambiare, anche correndo il rischio di peggiorare la situazione, ma cambiare, per dare un segnale alla politica politicante.
    Abbiamo avuto più occasioni per dire basta a questo schifo ma gli ebeti parassiti hanno scelto di dare continuità amministrativa a questi farabutti che ci governano, sono diventati loro complici, ed allora ognuno si assuma le proprie responsabilità.

    Buona fortuna…..

  2. Non preoccupatevi, sarete riassunti dopo aver sostenuto un regolare CONCORSO. Conoscete il significato della parola?

  3. Una domanda, ma il lavoro che questi operai svolgevano adesso chi li svolge e prima erano lavori utili o coperture per cose illecite. Voglio dire se il loro lavoro prima era utile adesso sarà ancora utile quindi diamogli ancora il lavoro con o senza cooperative

  4. Andate a lavorare e non state sotto al comune che neache vi pensa. Andate al collocamento, il comune con voi non ha nulla a che vedere più. Tanto il marcio è uscito e voi ci siete dentro!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.