La Salernitana crolla ancora all’Arechi: la Samp vince 2-0 e torna a respirare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
24
Stampa
Fallisce l’ennesima occasione per agganciare il treno in lotta per la salvezza la Salernitana. All’Arechi, contro una Sampdoria non trascendentale i granata incappano in una nuova sconfitta che li relega sul fondo della classifica in compagnia del Cagliari, prossimo avversario dei campani. Inizio discreto dei ragazzi di Colantuono che non trovano la migliore giornata di Ribery. La Samp dopo un paio di occasioni sciupate trova con l’autogol di Di Tacchio il vantaggio al 40’. Dopo due minuti in contropiede Candreva sigla il raddoppio. Nella ripresa i cambi in casa granata non danno effetti. Ci prova Ranieri, Audero è miracoloso. Manca il forcing, ma manca soprattutto Ribery costretto ad uscire. Simy e Bonazzoli in campo non vedono mai la porta. E cosi la Samp torna a respirare mentre per la Salernitana si complica davvero molto.

Torna dunque dopo la sosta nazionali il campionato che ieri ha celebrato tre anticipi: la vittoria dell’Atalanta sullo Spezia che in casa granata è stato visto positivamente per il discorso salvezza, la Juventus che espugna l’Olimpico contro la Lazio e la Fiorentina che mette lo sgambetto al Milan di Ibra battuto 4 a 3. Oggi tocca alle altre ed alla Salernitana che all’Arechi, alle ore 15 affronta la Sampdoria. La prima di due gare salvezza (la seconda venerdì prossimo in casa del Cagliari) da non fallire.

Colantuono non cambia modulo ma deve sempre fare i conti con le emergenze. In infermeria c’è anche Strandberg a causa dell’affaticamento muscolare agli adduttori. Al posto del norvegese, a guidare il pacchetto arretrato toccherà a Gagliolo, rispolverato dopo il lungo periodo di naftalina vissuto in seguito all’addio del mentore Castori.

L’ex Parma comporrà con Gyomber la coppia centrale della linea a quattro difensiva che sarà completata da Zortea e Ranieri sugli esterni.

A centrocampo Di Tacchio guiderà il gioco, con il rientrante Lassana Coulibaly come mezzala destra e Kastanos sulla sinistra. Poi Ribery alle spalle di Djuric e Gondo.

Senza i lungodegenti Damsgaard e Vieira e lo squalificato Adrien Silva, la Sampdoria arriva a Salerno con la formazione consueta. In difesa ha recuperato Colley che comporrà la cerniera centrale con Ferrari che prenderà il posto dell’infortunato Yoshida che non è stato convocato, con Bereszynski e Augello sulle fasce. Centrocampo metà scandinavo con Ekdal e Thorsby in mezzo, Verre a sinistra e Candreva a destra. In attacco Quagliarella affianca l’ex granata Ciccio Caputo. Arbitra Giacomelli di Trieste.

LA PARTITA

Oltre 10mila all’Arechi in una giornata dal clima tutto sommato gradevole. Parte bene la Salernitana, alquanto aggressiva. Ci prova di testa Djuric al 10’, sfera alta. La Samp risponde con Quagliarella, Belec c’è. Dopo un minuto Candreva spara in curva un buon pallone. Caputo ci prova in rovesciata ma non va. Ammonito Bereszynski per fallo su Kastanos. La Samp ha l’occasione del vantaggio ma prima Thorsby e poi Caputo sono neutralizzati da Belec. Da un calcio d’angolo doriano al 40’ (contestato dai granata) sfera in area, Di Tacchio tocca incautamente nella sua porta, autogol e blucerchiati avanti. I granata si gettano a testa bassa ma con confusione e in contropiede la Samp cala il raddoppio con Candreva servito da Quagliarella. Nel finale ci prova Kastanos, palla alta.

SECONDO TEMPO

Colantuono inserisce Obi per Kastanos nei granata. Punizione granata non sfruttata da Di Tacchio. Ranieri ha una palla sul sinistro, Audero compie il miracolo di giornata. Dopo un minuto ancora Audero sul piattone di Coulibaly. Entrano Bonazzoli per Gondo e Kechrida per Zortea. Giallo per Ekdal che stende Ribery. Il francese su punizione ci prova, Quagliarella di testa salva un gol fatto. Caputo servito in area deposita in rete ma è fuorigioco dell’ex barese. Fuori Verre dentro Askildsen nella Samp. Bereszynski viene rilevato da Dragusin. D’Aversa inserisce Chabot per Ferrari. Ribery accusa un risentimento e va fuori, dentro Simy. Schiavone rileva Di Tacchio. LA Salernitana ci prova con Kechrida, sfera fuori. Gabbiadini rileva Quagliarella che arriva esausto alla fine.

TABELLINO

SALERNITANA (4-3-1-2): Belec; Zortea (10′ st Kechrida), Gyombér, Gagliolo, Ranieri; L.Coulibaly, Di Tacchio (22′ st Schiavone), Kastanos (1′ st Obi); Ribéry (22′ st Simy); Gondo (10′ st Bonazzoli), Djuric. A disposizione: Fiorillo, Jaroszynski, Capezzi, Bogdan, Delli Carri, Vergani. Allenatore: Colantuono

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski (15′ st Dragusin), Ferrari (20′ st Chabot), Colley, Augello; Candreva, Ekdal, Thorsby, Verre (15′ st Askildsen); Quagliarella (41′ st Gabbiadini), Caputo. A disposizione: Falcone, Ravaglia, Ciervo, Depaoli, Murru, Trimboli, Yepes. Allenatore: D’Aversa

ARBITRO: Giacomelli di Trieste – assistenti: Scarpa e Marchi – IV uomo: Cosso – Var: Sozza – Avar: Bottegoni

RETI: 40′ pt aut. Di Tacchio (Sam), 43′ pt Candeva (Sam)

NOTE. Spettatori 11849. Ammoniti: Bereszynski (Sam), Ekdal (Sam), Chabot (Sam). Angoli: 12-3. Recupero: 1′ pt – 5′ st

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

24 COMMENTI

  1. centrocampo troppo scarso non esiste proprio non ci illudiamo con questa squadra 15 punti forse facciamo, purtroppo la colpa è della lega che ci ha ammesso in quelle condizioni in serie A il 12 agosto. la Sampdoria ancora più scarsa di noi

  2. Se siamo in A è solo merito di Castori a Lotito non è andata bene questa cosa è lo ha fatto esonerare. Non dategli soldi è serie B.

  3. Senza una società alle spalle, e quindi senza un minimo di programmazione siamo destinati alla B, purtroppo. Peccato.

  4. È una pena guardare le partite di questa squadraccia, mi fa tristezza sentire i tifosi intervistati prima della partita dire che vinciamo 3 a 0, 2 a 0, 3 a 1, ma aprite gli occhi era già tutto scritto a giugno,

  5. basta!!!!Fabiani ci spieghi perché con tanti svincolati di valore vedi Viola,Ricci, Ramirez per dirne alcuni si è preso Gondo e mortificato in panchina bonazzoli che non gioca mai da titolare. strano, sembra di vedere il film di donnarumma. se la società deve finire nelle mani di personaggi ambigui meglio toglierla di mezzo, e scaduti a società storiche come il livorno che gioca in eccellenza

  6. Salerno nei decenni scorsi ha messo alle corde avventurieri e farabutti, imbroglioni e ladri, costringendoli a non nuocere, alcuni scappavano i notte. Nei miei vent’anni tutto questo non sarebbe mai accaduto. Ma oramai si sono imborghesiti tutti. E’ passato il concetto che la partita di calcio debba essere considerata alla stregua di un cinema o di un teatro. E’ passato il concetto del fatturato. Nulla di più falso. Avete distrutto un patrimonio, e mortificato un’identità. Ora godetevi lo spettacolo dei cocci, sono tutti vostri. Ve li meritate. Il mio augurio è che tanti (fgci lega società) possano prendere lo stesso aereo…!

  7. Non date più soldi al porco!!! Contro Inter e Juventus purtroppo farà l ennesimo incasso… e noi la solita figura di merda. Speriamo bene a gennaio ma la vedo dura… siamo destinati a rimanere nelle mani della mafia del calcio…

  8. Io la serie A …anche se retrocessa x altre ragioni, l ho VISTA…..quella del mio Presidente. ANIELLO ALIBERTI…..con calciatori che davano l anima…..

  9. Squadra assolutamente non all’altezza di partecipare ad un campionato di serie A. Qualcuno dice che ci sono squadre più scarse di noi, a malincuore dico purtroppo no, dovrebbe essere il Cagliari una tra queste??? Ci é 10 volte superiore pur essendo tra le più scarse della serie A

  10. Siamo da B,siamo scarsi,ecc. Qualcuno non ha amcora capito che se nom viene asquistata la Salernitana non ci sarâ nessuna serie B,neanche serie C,pensate che il problema é quello che quest’anno nom ci salviamo e reyrocederemo semplicemente on serie B.

  11. Sono dovuti passare 23 anni per ritornare a giocare im serie A e questo ci aspetta o meglio questo meritiamo?Una tifoseria cosi immensa che viene ripagata solo da vergogna,partita dopo partita,ci stanno facendo passare per una barzelletta.

  12. Lotito, dopo il 31/12/2021 lascerá la squadra in serie D da dove ha iniziato. Così tutte queste critiche nei suoi confronti ritornano a Salerno. Lotito ci ha portato in A, ma Salerno e di serie D, questa è la verità altro non meritiamo. Questo è il sud di De Luca.

  13. La tua esistenza è una inutile plusvalenza, come Akpa AkPro, il sud ha De Luca, il Nord ha società come l’Inter indebitate di 300 milioni di euro….vai a zappare che fai meglio.

  14. Biden, il tuo amore per Lotito non ha limiti. Il tuo cuore è laziale, il tuo cervello è aquilotto e la tua meschinità è il cemento del Sistema De Luca.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.