Sanita’ privata ed emergenza covid. Bonavitacola: “Le 5 stelle cadenti e scadenti”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
“Il movimento 5 stelle è tornato alle ebbrezze della fase nascente, per nulla imbarazzato dalle sue nuove avventure nei palazzi del potere, fra spartizione d’incarichi ministeriali e di sottogoverno. In verità non ci sarebbe nulla di nuovo e meritevole di commento. Ma questa volta la speculazione e’ particolarmente misera. Ed è rivolta contro uomini che andrebbero ringraziati a vita per come si sono dedicati anima e corpo a fronteggiare la più grave emergenza sanitaria dal dopoguerra. Parliamo dell’entusiasmo suscitato da un’indagine della Corte dei Conti nata a seguito di un loro esposto. E tutti sanno che quando un organo inquirente riceve un esposto non può non aprire un’indagine e formulare delle contestazioni. Ed infatti, siamo solo nella fase delle doverose contestazioni susseguenti all’esposto. Ci sono altre fasi nelle quali, eventualmente, si accerteranno i fatti veri. E qui i fatti parlano chiaro. Non c’è stata nessuna colpa grave di cui i dirigenti regionali debbano rispondere.

Restiamo ai fatti.

L’esposto numero X (difficile fare la conta degli esposti 5 stelle) denunciava l’accordo fra le strutture sanitarie regionali e le cliniche private per fronteggiare l’emergenza sanitaria nei suoi mesi più acuti. Mentre gli ospedali erano allo stremo, mentre il 118 aveva difficoltà a destinare ammalati in condizioni gravissime, mentre in tv scorrevano le immagini di altre regioni che tutti ricordano, si decise di fare l’unica cosa possibile per fronteggiare la gravissima emergenza sanitaria: fare un accordo con la sanità privata per ampliare la platea dei posti letto da destinare al ricovero dei pazienti covid. Naturalmente queste cliniche rinunciavano a proseguire la loro attività ordinaria ed ai connessi ricavi da convenzione con il sistema sanitario regionale, pur dovendo sostenere i costi fissi per personale e servizi di manutenzione e approvvigionamento di quanto occorre per mantenere in funzione una struttura sanitaria, che non è una tenda da campeggio. Quindi fu previsto un compenso per messa a disposizione delle strutture, anche a prescindere dal loro effettivo utilizzo. La speranza era proprio che questo utilizzo non vi fosse, perché avrebbe significato una minore platea di pazienti gravi.

Adesso i 5 stelle dicono che sono state pagate strutture in parte non utilizzate. Cosa avremmo dovuto sperare, per evitare di dare fiato a speculazioni miserabili? Che vi fossero più malati? Che si riempisse tutto? Ospedali, cliniche, corsie, ambulanze?

Ma come si fa a speculare su queste cose? C’è solo da vergognarsi, per chi ha la sensibilità necessaria. E, purtroppo, in questo caso parlare di sensibilità è pretendere l’impossibile umano.

Come si fa a presentare Dirigenti della sanità campana che hanno dato l’anima per svolgere al meglio la loro delicatissima funzione in questa tragedia quasi come conniventi e consapevoli di una truffa, con dispendio di denaro pubblico?

Il protocollo che ha regolato la messa a disposizione delle strutture sanitarie private è stato sottoscritto il 28 marzo 2020, nel momento più drammatico di questa vicenda. Successivamente, in data 3 aprile, l’accordo è stato integrato con un addendum per specificare che il sostegno finanziario garantito dai termini dell’accordo dovesse essere poi sottoposto a conguaglio su base annua, in funzione dei costi fissi sostenuti dalle strutture di ricovero e della produzione effettivamente rendicontata dalle stesse. Principio generale di buon senso che ha infatti trovato, successivamente, accoglimento nel decreto legge 34/2020, all’articolo 4, laddove si prevede che le case di cura che non abbiano potuto raggiungere il 90% del budget annuo loro assegnato per il 2020, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, possano ricevere un contributo una tantum a copertura dei costi fissi comunque sostenuti.

La valutazione del Protocollo del 26 marzo alla luce del successivo addendum chiarificatore e di quanto previsto dallo stesso legislatore consentirà di chiarire la piena regolarità degli atti. Lo scopo è stato di acquisire con urgenza la disponibilità di strutture sanitarie comunque già convenzionate con la Regione in epoca precedente al Covid, garantendo un’anticipazione di risorse per il mese più critico, salvo conguaglio finale su base annua, sia per prestazioni covid che non covid. Si è trattato di agire con urgenza, senza attendere norme di dettaglio che sarebbero arrivate molto tempo dopo (il Decreto legge n. 34 sul ristoro delle strutture sanitarie private è del 19 maggio 2020 ed il Decreto ministeriale sulle tariffe per assistenza covid nella sanità convenzionata è addirittura di qualche giorno fa …!?!) e che hanno sostanzialmente regolato in termini analoghi la materia .

Chi si è assunto la responsabilità di prendere decisioni difficili, senza approfittare di un centesimo, andrebbe ringraziato ed elogiato. Ma chi è in preda alla libidine da speculazione questa cose non può capirle.

Auguri per il prossimo esposto”.

Fulvio Bonavitacola vice Presidente Regione Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. … tu ed il tu padrone creatore di Salerno & Campania dovreste fare un grandissimo bagno di umiltà. La sanità campana fa vergognare, faceva vergognare e farà vergognare fino a quando ci sarete voi del cerchio magico. La Gente ammalata non si può curare grazie a voi…

  2. Che persona inutile, state governando da 30 anni e ora è colpa degli altri, in galera dovete finire

  3. Questo personaggio si permette anche di parlare….
    Gli sprechi ed i babba’ fatti durante la pandemia non si contano.
    La sfilata propagandistica dei tir, con il logo della regione Campania, che trasportavano gli inutili ed inutilizzati ospedali modulari, grida ancora vendetta…..
    Sanità da incubo e questi farabutti vogliono stravolgere la realtà.
    Abbiate il coraggio almeno di tacere……
    Piuttosto pensi a smaltire le ecoballe come promesso un decennio fa , il vostro cavallo di battaglia in campagna elettorale si è azzoppato….

  4. Le solite frasi e monologhi del Nulla, intanto i cittadini Campani, si vanno a curare altrove nel nord, come fate anche Voi, sanità distrutta da i capaci di governare e gestire la cosa pubblica, a spendere ed altro…….. Poi vedi che parla un Nominato…. sapete perché manco i suoi familiari lo voterebbero….nel condominio dove abita…. Nulla

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.