Stampa
Sale al 9% in Italia la percentuale di posti occupati negli ospedali dai pazienti Covid e sono 7 le Regioni o Province autonome che vedono un aumento dei pazienti ricoverati, tre delle quali superano il livello di allerta del 15%: il Friuli Venezia Giulia, da oggi in zona gialla, è al 22%, Valle d’Aosta e Bolzano al 18%, Campania al 9%, Abruzzo, Trento e Veneto all’8%. Sono i dati diffusi stamani dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). Per le terapie intensive, il valore nazionale resta al 7% ma sale in 5 regioni: 10% nel Lazio, 8% Trento, 7% Molise e Sardegna, 11% Umbria.

Questa, attualmente, la situazione: in Abruzzo occupazione terapie intensive al 5% e occupazione posti in “area non critica” all’8% (variazione giornaliera di +1%); in Basilicata 1% (-2%) e 4%; in Calabria 9% e 12%; in Campania 5% e 9% (+1%); in Emilia Romagna 7% e 8%; in Friuli Venezia Giulia 15 e 22% (+2%); nel Lazio 10% (+1%) e 11%; in Liguria 9% e 8%; in Lombardia 6% e 12%; nelle Marche 10% e 8%; in Molise 3% e 7% (+1); nella Provincia autonoma di Bolzano 10% e 18% (+1%); nella Provincia autonoma di Trento 8% (+1%) e 8% (+1%); in Piemonte 5% e 6%; in Puglia 5% e 5%; in Sardegna 7% (+1%) e 4%; in Sicilia 5% e 9%; in Toscana 8% e 5%; in Umbria 11% (+3%) e 8%; in Valle d’Aosta 3% e 18% (+3%) e in Veneto 8% e 8% (+1%) .

 

La Regione più in difficoltà è il Friuli Venezia Giulia, da oggi in fascia gialla. L’Alto Adige è fortemente indiziato di passare in giallo da lunedì prossimo. A rischio la Calabria, con il 9% di intensive e il 12% di ricoveri ordinari. Preoccupa anche la Lombardia, che ha visto un netto incremento di casi e di ricoveri negli ultimi giorni: è al 6% di rianimazioni occupate ma già al 12% nei reparti ordinari. Anche il Veneto si avvicina al limite nelle rianimazioni, con l’8%, stessa percentuale dei ricoveri ordinari, dove quindi c’è ancora margine. L’Umbria è oltre per le terapie intensive (11%) ma ancora indietro nell’occupazione dei reparti ordinari (8%). Stesso discorso per il Lazio, che inizia ad avvicinarsi alla zona di rischio con il 10% di intensive (al limite quindi) e l’11% di ricoveri ordinari, così come le Marche (rispettivamente al 10% e 8%).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.