Stampa
Flc Cgil, Uil Scuola, Gilda e Snals hanno proclamato una giornata di mobilitazione della scuola per venerdì 10 dicembre. Partecipano anche le sigle Cobas e Fisi. La Cisl non aderisce, mentre Anief partecipa ma con motivazioni e mobilitazione separate. Protestano contro «l’immobilismo» del governo in materia di istruzione.

La proclamazione dello sciopero generale per giovedì 16 ha creato non poca confusione sulle date. Per tutto il mondo della scuola – hanno confermato Cgil e Uil – la mobilitazione resta il 10: « Lo sciopero del 10 della scuola resta nell’alveo di quello Generale ed è assolto, anche se in data diversa.

È necessario che si rimetta al centro del dibattito politico la condizione dei lavoratori lasciati alla mercé delle regole del mercato, peraltro drogato dalle iniezioni di denaro pubblico che poi qualcuno dovrà pagare. E in questo contesto che la vertenza scuola si inserisce con le proprie specificità e con quelle più ampie del mondo del lavoro che si ribella anch’esso», hanno spiegato i due segretari del comparto scuola Sinopoli e Turi.

Il titolo della campagna dei sindacati è «Adesso basta, la scuola si ribella». A far saltare la possibilità di mediazioni e di trattative, in vista anche del rinnovo del contratto è stata la legge di Bilancio, nella quale per la scuola è previsto poco. E’ vero che gli investimenti sono tutti nel Pnrr, ma riguardano principalmente l’edilizia scolastica e non chi nella scuola ci lavora. I fondi previsti per il comparto istruzione nella finanziaria sono soltanto lo 0,6 per cento – spiegano i sindacati – e soprattutto non ci sono fondi sufficienti per un aumento dello stipendio medio che sia a tre cifre (per ora è fermo a 87 euro).

Ma non è soltanto questo. In gioco c’è anche la proroga dell’organico Covid dopo dicembre: nella legge di Bilancio è previsto soltanto per gli insegnanti, ma non ci sono i fondi per il personale Ata. Oltre ai concorsi – soprattutto per i direttori amministrativi – la protesta riguarda anche le misure di sicurezza anticovid per le scuole, compresa la modifica dei parametri per la formazione delle classi. Tra le motivazioni di Anief c’è anche la protesta contro l’obbligo vaccinale a partire dal 15 dicembre per tutto il personale scolastico.

fonte Corriere della Sera

2 COMMENTI

  1. Ancora con sta cavolata dello sciopero! Non serve a nulla se non a far risparmiare allo Stato un bel pò di soldi da detrarre dalle prossime buste paga. I sindacati devono capire che l’unica forma di protesta vera sarebbe quella di far dimettere in massa i docenti da tutti gli incarichi non obbligatori: coordinatori, referenti, figure strumentali, ecc. ecc. Protesta a costo zero che bloccherebbe il comparto scuola. E invece che si fa? Ancora a proclamare inutili scioperi per poi prendersela con chi non ha partecipato o facendo spallucce: e vabbè, noi il nostro lo abbiamo fatto…

  2. Cgil e uil sono peggio dei politici!!
    Per favore, se siete iscritti, CANCELLATEVI da tutti i sindacati ENTRO IL 31 DICEMBRE , perché lo sapete che la disdetta dell’iscrizione al sindacato anche se la fate a gennaio è cmq valida fino al 31/12 dell’anno in cui ci si cancella? Però quando vi iscrivete, parte dal mese successivo. I soldi tutti li vogliono, ma nessuno vuole mollarli. CANCELLATEVI!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.